Rimini. Commerciante evade un milione. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Evade un milione, gli sequestrano la “Dyane” / Nel mirino della verifica della finanza un commerciante all’ingrosso di 63 anni / Giro di fatture false: vendeva all’ingrosso materiale elettronico. Caccia ai conti correnti

RIMINI. Evasione fiscale milionaria. La guardia di finanza di Rimini sequestra preventivamente quasi 300mila euro a un grossista di elettronica, residente a Rimini. Calabrese di 63 anni, F.N., era uno dei principali fornitori fittizi di due società (di Rimini e Sant’Angelo in Lizzola a Pesare-Urbino) su cui, nel 2012, le fiamme gialle avevano indagato scoprendo una frode da oltre due milioni di euro.

Dai successivi sviluppi nelle indagini dei finanzieri della Compagnia, guidati dal capitano Giovanni Linardi, è emerso che l’uomo, da tempo domiciliato a Rimini, attraverso la sua ditta individuale emetteva fatture per operazioni inesistenti. Le approfondite verifiche nei confronti del commerciante, che adesso però non svolge più l’attività e risulta disoccupato, hanno permesso di portare alla luce un’evasione l’Iva, nel 2010 e 2011, per quasi 280mila euro. Secondo la ricostruzione “contabile” delle fiamme gialle avrebbe anche occultato i documenti contabili della ditta intestata a suo nome e non avrebbe presentato la dichiarazione dei redditi nel 2011: il totale delle fatture false staccate? Poco meno di un milione di euro (958mila euro). Abbastanza perché il commerciante fosse segnalato dai finanzieri riminesi all’Agenzia delle Entrate di Rimini e all’autorità giudiziaria. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy