Rimini. Metromare, il bando di gara per la seconda tratta stazione – Fiera, nella primavera del 2023

Dopo il via libera, giunto a inizio agosto dal Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilita Sostenibili e l’approvazione, dello scorso settembre, da parte della Giunta comunale, proseguono le attività per la redazione del progetto della seconda tratta del Metromare, dalla stazione alla Fiera, lungo la linea ferroviaria Rimini – Bologna.

Ne dà notizia il comune di Rimini, precisando come il “Pmr sta elaborando infatti in questi giorni i dettagli del progetto preliminare da inserire nella base di gara. La progettazione è stata affidata ad un raggruppamento di professionisti il cui capogruppo è lo studio “Architecna”, già impegnato nella realizzazione di sistemi di trasporto rapido di massa in importanti realtà italiane. In queste settimane sono anche in corso indagini preventive di tipo geologico su alcuni punti sensibili come il porto canale, il deviatore Marecchia ed in corrispondenza delle principali opere da realizzare

Sono già iniziati incontri propedeutici con diversi soggetti interessati dal tracciato, tra cui RFI, ANAS e soggetti privati insistenti sul tracciato. Il crono programma poi proseguirà a inizio anno quando si aprirà la conferenza dei servizi preliminare tra tutti gli enti interessati e saranno inoltrati anche gli avvisi di avvio del procedimento relativo alle procedure espropriative di acquisizione delle aree.

Nei primi mesi dell’anno, inoltre  saranno organizzati incontri con stakeholders e cittadini, per l’illustrazione del progetto che sarà messo a gara. Un bando, per un appalto integrato, che si prevede sarà  pubblicato in primavera per l’aggiudicazione come prevedono i termini previsti dal PNRR, entro l’anno.

Il nuovo progetto di fattibilità, come noto, prevede una soluzione più adatta ai tempi di attuazione ed esecuzione dei lavori previsti dalle regole del PNRR, che prevede scadenze e modalità esecutive diverse da quelle originariamente previste, imponendo di procedere con l’aggiudicazione dei lavori entro il 2024 e di completare l’intervento entro il 2026. Il tracciato lungo la ferrovia presenta inoltre vantaggi anche in termini di capacità di trasporto e frequenze e non ha ricadute sul verde pubblico.

“Sono iniziati in questi giorni – dichiara Roberta Frisoni, Assessora alla Mobilità – i primi campionamenti geologici per questa infrastruttura strategica che prevede il prolungamento del tracciato in sede propria protetta del TRC, in affiancamento alla linea ferroviaria Bologna – Ancona. Una soluzione per la quale sono necessarie analisi specifiche, che terranno conto di alcuni elementi di natura tecnica, economico e trasportistica, ritenute rilevanti dal Comune di Rimini e da Patrimonio Mobilità Provincia di Rimini. Indagini necessarie anche in relazione all’inserimento del finanziamento dell’opera nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy