Rimini. Sfondata la vetrina con un tombino per rubare 7 euro in una pescheria, catturati i ladri dalla Polizia

Tombino per sfondare la vetrata. Ladri in fuga, catturati dalla Polizia. Nel mirino dei malviventi una pescheria di via Di Mezzo Magro. Il bottino: 7 euro. I due ladri inseguiti e presi

Il modus operandi è sempre lo stesso: un tombino utilizzato per sfondare il vetro dell’ingresso. Nella notte tra lunedì e martedì era toccato al bar La Belle Epoque di via XX Settembre e allo studio di tatuaggi Freaky horror tattoo di via Pascoli. Stavolta, invece, è stato il turno della pescheria Stella Marina di via Di Mezzo. La tecnica ricalca quella dei furti avvenuti nei giorni scorsi: un tombino estirpato dalla strada che si trasforma in una mazza per abbattere la vetrata del negozio. A finire nei guai stavolta sono stati un 30enne e un 27enne, catturati dalle Volanti della Questura al termine di un inseguimento. Tutto comincia verso l’una di notte, quando un residente, attirato dai rumori, nota due persone che si intrufolano nella pescheria di via Di Mezzo, dopo aver frantumato la vetrina con il tombino. Magro il bottino: 7 euro a malapena.  (…)

Le auto della Polizia si lanciano all’inseguimento, che dura molto poco: all’altezza della stazione, infatti, le macchine della Questura sbarrano la strada ai fuggitivi. Scatta la perquisizione e a bordo del veicolo viene ritrovato un vero e proprio ‘arsenale’ da scasso: arnesi di vario tipo, picconi, trapani, grimaldelli, piedi di porco e persino un bastone metallico di 40 centimetri, oltre a soldi sparsi. I due, già noti alle forze dell’ordine, sono stati trattenuti in camera di sicurezza su indicazione del pm di turno, Davide Ercolani. Per loro è scattata una denuncia per ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy