San Marino. Delibera volontariato, Repubblica futura: “Il rischio di cancellare quanto fatto in tanti anni è reale”

Repubblica futura critica apertamente la delibera del governo in materia di associazioni e volontariato.

“Non basta la distruzione della medicina di base, ormai inesistente; non basta la fuga dei medici, la difficoltà di reperirne di nuovi e la carenza di infermieri; non basta la grande insoddisfazione degli utenti e degli operatori sanitari; non basta la beffa dei premi di risultato del comitato esecutivo dell’Iss; non basta una dirigenza impegnata in mega progetti da investimenti milionari mentre la gente non riesce nemmeno a telefonate al proprio medico o prendere un appuntamento; non basta un reparto oncologico senza responsabile e depredato di personale, ora si vuole distruggere anche quello che si è costruito in tanti anni nel campo del volontariato – dichiara in una nota Repubblica futura -. Volontariato rappresentato da una rete di associazioni sanitarie e sociosanitarie che da sempre si distingue come risorsa del territorio e della sanità, che risponde alle richieste di solidarietà e che costituisce un patrimonio civile e umano di valore inestimabile per l’intera comunità sammarinese”.
“Oggi, questo efficiente sistema di associazioni, punto di riferimento e di collegamento fra la cittadinanza e le strutture sanitarie pubbliche, caratterizzato dalla donazione silenziosa, senza pregiudizi di appartenenza politica, di credo religioso o di genere, viene minacciato dalla decisione del governo (delibera n. 21 del 25 aprile) con cui, a partire dal 1° gennaio 2023, oltre alla decadenza di tutte le convenzioni o altre forme di cooperazione con queste associazioni, si procederà alla loro liquidazione se non si iscriveranno al Registro della Consulta delle Associazioni“, dice ancora Rf, che poi aggiunge: “Da tempo le associazioni sanitarie e socio sanitarie si erano distaccate dalla Consulta perché era stato riconosciuto che il loro percorso era diverso da quello delle associazioni di carattere culturale, ludico, sociale; le associazioni di volontariato si occupano della salute e delle problematiche legate a questo settore e l’interlocutore naturale non può che essere il segretario alla Sanità. Mentre negli altri Stati Europei il volontariato sanitario viene sostenuto e potenziato, a San Marino viene relegato al circolo delle associazioni culturali e sportive sotto l’egida del segretario all’Istruzione“.
E ancora: “L’Italia sta riprogettando nuovi modelli di sanità integrata e nuove strategie di sviluppo del welfare di comunità in cui l’apporto delle risorse di volontariato aumenta il livello di tutela e di assistenza a favore di tutti i cittadini. Questo significa strutturare la cooperazione fra componente pubblica e non pubblica nell’ambito di un settore specifico, con regole certe e con progettualità comuni”.
“A San Marino, accanto ad un servizio sanitario fondato sui principi di equità e universalismo, si era sviluppata negli anni una ricchezza rara: un capitale sociale formato da reti di volontari, associazioni e privati che hanno messo a disposizione delle istituzioni, collaborando con esse, risorse di straordinaria importanza per il benessere e la salute di tutti. Il rischio che questa ricchezza venga cancellata con un colpo di spugna è reale e dimostra ancora di più come l’attuale governo sia scollegato con la realtà del Paese nel momento in cui non difende nemmeno questo patrimonio di altruismo e solidarietà”.
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy