San Marino. Dopo i 4 yacht, a rischio 4.000 auto

Giuseppe Maria Morganti di La Tribuna Sammarinese:  Scattano a Rimini e Ravenna quattro sequestri di imbarcazioni iscritte nel registro navale sammarinese  / Operazione ‘Titan Flags’, il Titano nella bufera: ora a rischio anche 4mila auto targate San Marino / La Gdf di Rimini contesta il mancato pagamento di 700 mila euro di Iva e denuncia per contrabbando 15 persone fra cui almeno due sammarinesi

 Le quattro imbarcazioni di lusso, immatricolate presso il registro navale della Repubblica di San Marino, sono state, secondo gli inquirenti, “Indebitamente introdotte, per l’immissione in consumo in Italia, nel territorio doganale della comunità europea senza effettuare il pagamento dell’Iva all’importazione per euro 740.000, in violazione all’art. 70 del d.p.r. 633/1972 ed incorrendo nel reato di contrabbando aggravato previsto dagli artt. 292 e 295, ultimo comma, del d.p.r. 29 gennaio 1973, n. 43”.

 La questione è grave poichè apre un ulteriore fronte di indagine che la Guardia di Finanza di Rimini potrebbe estendere ad altri natanti o velivoli registrati a San Marino. E la bufera potrebbe presto coinvolgere anche le auto targate Rsm e condotte da italiani. Come ha fatto rilevare il giornalista del Tg1 Rai che ieri ha dato ampio rilievo all’operazione Titan Flags, rilanciando la notizia nella sua edizione principale, l’inchiesta potrebbe estendersi al registro delle autovetture e interessare le circa 4.000 auto con targa sammarinese che circolano per la maggior parte del loro tempo sul territorio della provincia di Rimini e che magari sono condotte da cittadini non residenti a San Marino.

Di fatto il rapporto italo sammarinese si arricchisce di un’ulteriore linea critica che certo graverà sul tavolo del confronto che si sarebbe già dovuto riattivare dopo circa due anni di gelo fra le amministrazioni fiscali dei due Stati.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy