San Marino, fra Patrimonio dell’Umanità Unesco e degrado territoriale

Il Monte Titano ed il Centro Storico di San Marino, nel corso del 2008, sono entrati a far parte dei siti proclamati

Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.
Critiche sono arrivate (architetto Cervellati) per questo inserimento a causa del fatto che nella Repubblica di San Marino da una decina di anni ha luogo un processo di
devastazione del territorio, indice, in genere, di una classe politica non irresistibile alla corruzione e, talvolta, alla presenza di

punte di malavita organizzata.
Sinistra Unita teme che anche col
nuovo governo appena insediato il fenomeno continui come del resto coi due governi precedenti di cui pure Su ha fatto parte.

Vedi
articolo pubblicato anche su L’Informazione di San Marino.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy