San Marino. I 500 milioni e i falchi, Marino Cecchetti

L’Informazione di San Marino. I 500 milioni e i falchi

Marino Cecchetti

Entro giugno lo Stato si indebiterà per 500 milioni di euro, come deciso martedì scorso in CGG da Npr, Dml, Rete, Libera e Pdcs. Nessun accenno a chi si è ingrassato coi soldi pubblici. Tantomeno ad azioni per il recupero del maltolto.

I governi che non combattono la corruzione sono la rovina degli Stati. Qui hanno creato un debito pubblico “insostenibile”(*). Come dicono a Buenos Aires, “estamos en un default virtual”. Noi, però, quando torneremo alla zappa, avremo a che fare con l’argilla dei calanchi, non con l’humus delle Pampas. E dovremo comunque pagare, ciascuno, oltre €15mila (leggasi quindicimila), come da cambiale firmata per ciascuno di noi dai governanti, nostri legali rappresentanti.

Rete e Pdcs già dagli scranni dell’opposizione promossero a settembre 2019 lo stanziamento statale di oltre 6 milioni di euro a favore degli investitori, sollevando di fatto da oneri i responsabili del crac della finanziaria San Marino Investimenti (Smi) del Conte Enrico Maria Pasquini, sotto processo a Padova. Superarono, nel malvezzo, anche i politici precedenti, facendo sbordare la – invereconda – copertura statale oltre il settore bancario.

Come se ne esce?

Ci sono consiglieri che non hanno remore a coinvolgere, su beghe interne, organismi internazionali. Vantandosene pure. Perché la gente di San Marino – presa dalla disperazione per come stanno andando le cose e al fine di salvare la Repubblica – non potrebbe, come extrema ratio, far sapere a Strasburgo quanto sta succedendo?

A beneficiare del prestito di 500 mln sarà anzitutto il sottobosco politico-affaristico, vista l’amnistia sul maltolto, di fatto in corso,  per gli “affaristi spudorati” ( “falchi”, “avvoltoi finanziari”) di cui parlò  a maggio 2019 Gian Matteo Zeppa, capogruppo di Rete.

 

(*) Esperti Fondo Monetario Internazionale (Fmi), gennaio 2020.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy