San Marino. Il “caminone” della fornace Francini II Parte

Presente fin dagli inizi del 1800 produceva calce “viva”, mattoni, coppi, orci e vasi da fiori e da olio

DAVIDE PEZZI. La produzione della Fornace comprendeva mattoni, coppi, orci, olle, vasi da fiori e da olio, e la “calce idraulica” (o “calce viva”), che aveva diversi usi: in edilizia come legante per malta da costruzione, per imbiancare i muri e per intonacare esterni; in agricoltura come antiparassitario per viti e frutteti; e in zootecnia per disinfettare stalle, pollai e porcili. Per quanto riguarda il vasellame pare che fosse di ottima qualità, ben rifinito e di notevole gusto estetico. Prova ne è che la Fornace Francini nel 1900, in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi cui partecipò anche la Repubblica di San Marino, ricevette la medaglia di bronzo per la produzione di laterizi, a dimostrazione di una qualità e di una professionalità competitive, per quel tempo, a livello europeo. (…)

Articolo tratto da L’informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy