San Marino: la Camera di Commercio vuole riavvicinarsi alle imprese. E si prepara ai sacrifici

Un contatto diretto e costante con le aziende, funzionari impegnati per
intensificare le visite mirate, per conoscere meglio esigenze e necessità.

La decisione
è del nuovo Consiglio di Amministrazione della Camera di Commercio, che nei giorni scorsi ha tenuto la sua prima riunione.

Fanno parte del Consiglio di Amministrazione: Pier Giovanni Terenzi
(Presidente), Egidio Billi, Giulio Caramaschi, Riccardo Cervellini,
Giorgia Gasperoni, Vladimiro Renzi, Gian Franco Terenzi, Luigi Tontini
ed un esponente dell’Università. Il Sindaco della Camera di Commercio è
Danilo Dolcini.

“Intendiamo essere sempre più vicini alle imprese – dichiara il
Presidente, Pier Giovanni Terenzi – per capire quali siano i loro
bisogni e rispondere sempre meglio alle loro richieste. Intendiamo anche
promuovere un’indagine per capire le ragioni che suggeriscono ad un
imprenditore di localizzare a San Marino la sua attività. Vogliamo
altresì lavorare affinché questi motivi non vengano mai meno, anzi
aumentino”.
Ma non è l’unica novità. Deciso anche l’avvio del
registro delle imprese abilitate a partecipare agli appalti pubblici e,
rimanendo sempre in ambito di registri,  la realizzazione di un accesso
diretto, per le Segreterie di Stato e  le Associazioni di categoria, al
registro imprese on line attivo dall’anno scorso sul sito
https://registroimprese.cc.sm.
Per quanto riguarda
l’internazionalizzazione il Consiglio di Amministrazione, su richiesta
delle Segreterie di Stato per gli Affari Esteri e Industria, sta
valutando le modalità per l’apertura di un ufficio in Cina, mentre,
cambiando totalmente continente, sta valutando i criteri secondo i quali
selezionare i tirocinanti per il Desk aperto presso la Camera di
Commercio italo-americana a Miami. Prosegue poi incessantemente
l’attività di formazione per l’estero e la ricerca partners che si pone
come propedeutica alla prossima organizzazione di due missioni
imprenditoriali, una in Russia ed una in Slovenia.
Dall’esame del
budget già approvato dal precedente CdA emerge che per il 2012, si
prospetta una perdita presunta di 30.000 euro ed il Consiglio di
Amministrazione ha deciso di mettere a disposizione dell’ente i propri
compensi annuali di amministratori.

 

Leggi comunicato Camera di Commercio

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy