San Marino. La confisca più imponente disposta fino ad oggi, Antonio Fabbri

L’informazione di San Marino

Nel caso dei soldi dal Congo la somma complessiva ammonta a 83.269.509,90

La confisca più imponente disposta fino ad oggi

Antonio Fabbri

Il processo sul riciclaggio dei denari di provenienza illecita dal Congo – ritenuti frutto di corruzione, malversazione e di­strazione di fondi – ha visto due condanne e una assoluzione: 6 anni e 4 mesi al broker francese Maurice Philippe Chironi; 4 anni e 2 mesi al sammarinese Stefano Bertozzi.

Al di là delle condanne, degna di nota è l’imponente mole di denaro che era stata movimen­tata sui conti di Bcs per poi finire in una miriade di società off-shore e ritornare all’entorua­ge del presidente del Congo Bra­zaville, Denis Sassou Nguesso. Ebbene, secondo i calcoli fatti dal giudice Battaglino, ritiratosi per un’ora e un quarto in camera di consiglio prima della decisio­ne, la mole di denaro riciclato è precisamente di 83.296.506,90.
Di questi sono già sotto seque­stro quasi 20 milioni di euro, sui quali dovranno essere calco­lati pure gli interessi.
Per questo il giudice ha dispo­sto, oltre la confisca di quanto già sequestrato, anche quella per equivalente della differen­za tra quanto già congelato e l’intero ammontare dei dei denari riciclati, gli 83 milioni, insomma. 

Già è stato annunciato appello, in particolare dall’avvocato di Chironi, Achille Campagna. Se in sede di appello la decisione sulla confisca dovesse essere confermata, a quel punto lo stato incamererebbe subito i quasi 20 milioni già sotto sequestro, per poi rivalersi, per la restante parte, sui beni di chi eventualmente dovesse vedere conferma la condanna a sua carico. E’ già accaduto in altri casi che, in forza di sentenza definitiva di condanna, il giudice delle esecuzioni abbia, tramite rogatoria rogatoria, richiesto di rivalersi sui beni delle persone condannate anche in altri stati. Nel caso Staiano è successo con l’Italia, sulla base di apposita Convenzione internazionale ratificata da entrambi gli stati.

Di certo il processo sui denari dal Congo è, fino ad oggi, quello che arriva a sentenza di primo grado con la mole più imponente di denaro riciclato. Va tuttavia detto che, ad esempio, nel processo “Mazzini”, solo per quanto riguarda la contestazione di riciclaggio legata a Finproject, l’ammontare è di 165milioni di euro.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy