San Marino. Multata per abbandono dei rifiuti, scopre il servizio a domicilio: “L’Aass deve pubblicizzare meglio questi servizi”

“Non ho problemi ad ammettere che ho sbagliato. Ho pagato subito la sanzione. Ma vorrei che la mia esperienza servisse per mettere in luce un servizio importante e molto utile per i cittadini che l’Aass non pubblicizza a sufficienza”.

A parlare è una cittadina che abita nel Castello di Fiorentino che si è rivolta a Libertas per raccontare la propria storia in tema di gestione dei rifiuti sperando di essere d’aiuto per altri utenti.

L’episodio da cui tutto è scaturito risale a qualche settimana fa. “Con mio marito abbiamo un giardino ed una piccola area verde attorno a casa – racconta la protagonista – e abbiamo dato una sistemata prima dell’arrivo dell’inverno: taglio dell’erba, raccolta delle foglie, piccole potature”.

Come smaltire tutto ciò? “Fino a qualche anno fa portavamo direttamente gli sfalci a San Giovanni, poi ci è stato detto che lo potevano fare solo le aziende. Ci è sembrato strano ma ci siamo adeguati. E così, da allora, mettiamo tutto in grossi sacchi e buttiamo nei cassonetti stradali”.

E così hanno fatto anche l’ultima volta. Peccato che in questa occasione i cassonetti usati di solito fossero pieni. “A quel punto abbiamo lasciato i sacchi accanto ai bidoni. Anche se sappiamo che è una cosa da non fare”.

Passa qualche giorno ed ai coniugi arriva una multa dall’Ufficio Prevenzione Ambiente e Vigilanza del Territorio. L’area dei cassonetti è infatti una di quelle video sorvegliata dall’Aass, che è così riuscita a risalire al responsabile del gesto incivile e comminargli la sanzione prevista dalla legge: 300 euro, con la possibilità di dimezzare la somma se pagata entro 20 giorni dal ricevimento.

 

“Nonostante l’errore commesso, questa multa mi ha indisposta – continua la donna – perché non l’avrei presa se fosse stato possibile portare i rifiuti direttamente a San Giovanni. E così il giorno dopo sono andata a chiedere spiegazioni direttamente al centro gestito dall’Aass. E cosa scopro? Che non solo è possibile anche per i privati consegnare gli sfalci, ma addirittura nel mio Castello è operativo un servizio praticamente gratuito di raccolta a domicilio! Una vera beffa che mi ha fatto arrabbiare molto, ma anche riflettere.

Quasi sempre si cita la gestione dei rifiuti a San Marino per i problemi e polemiche, poi si hanno questi servizi estremamente utili e non li si pubblicizza minimamente? Mi sembra una cosa assurda che può far venire retro pensieri.

Alcuni amici – continua la protagonista – mi hanno fatto vedere che al servizio è riservata una pagina nell’eco calendario in cui sono indicati i giorni di raccolta porta a porta. Non è assolutamente sufficiente. 

Questo come altri utili servizi erogati dallo Stato e finanziati con i soldi della collettività vanno pubblicizzati di più e meglio. Così si aiutano i cittadini e si dà valore a quell’investimento”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy