San Marino. Pedini Amati: “Segreteria di Stato ancora senza sede: è normale tutto questo?”

Una conferenza dalla forte carica polemica, quella che ha visto protagonista il Segretario di Stato per il Turismo, Federico Pedini Amati.

Da parte del Segretario di Stato non sono mancati affondi diretti al Governo. Pedini Amati ha criticato soprattutto la mancata assegnazione di una sede per la Segreteria di Stato da lui guidata, dopo l’evacuazione causata da un principio di incendio avvenuto nei giorni scorsi. 

Sono arrabbiatissimo – ha detto Amati – Come Stato ci si dovrebbe vergognare che un Ministero non abbia una sede. Io sono costretto a lavorare in macchina. E’ normale che facciamo una rotonda a Borgo Maggiore che non la vuole nessuno e spendiamo chissà quanti milioni di euro? E’ normale che mettiamo a posto l’asfalto a Dogana, he facciamo un bagno pubblico in piazzale Calcigni a 500mila euro e non c’è la sede del Turismo? Come esecutivo ci dobbiamo vergognare. Io mi vergogno di non avere una sede. Non per me stesso, ma per i miei collaboratori, e per i cittadini. Ma anche agli occhi del resto del mondo. Due per i cittadini. Tre per l’evidenza del mondo. Abbiamo una burocrazia incredibile: nel privato questo non accade, non può accadere, perché l’operatività deve andare avanti, e noi come amministratori diamo l’esempio peggio. E’ un anno e mezzo che chiedo al Governo di spostarci come sede. Paradosso dei paradossi: l’ufficio del Turismo lontano dalla Segreteria di Stato per il Turismo, una cosa incredibile”.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy