San Marino. Per chi quel decreto salvabanche? La Tribuna Sammarinese

Giuseppe Maria Morganti di La Tribuna Sammarinese analizza le possibili reali motivazioni del decreto con cui lo Stato emette fideiussioni sugli impegni assunti in attivo o in passivo da Banca Centrale.

(…) Al di là di una necessità generale di liquidità sono sostanzialmente due i casi
che si profilano che potrebbero implodere al punto di richiedere un intervento
pubblico: il primo è quello ormai scontato del crak di Banca Commerciale o
meglio della componente bad, malata, di tale banca, dato che la parte in
equilibrio è stata già venduta a Asset  Banca  per un prezzo che ancora non è
stato esattamente definito, ma che gli analisti considerano prossimo allo zero.
In ciò che è rimasto di Banca
Commerciale
, ancora gestito dai commissari di
Banca Centrale, scaturiscono crediti inesigibili per diverse decine di milioni
(c’è chi azzarda l’ipotesi di 40 milioni di euro), compensati attualmente da
debiti nei confronti di un unico cliente rappresentato dalla società finanziaria
Bfc, recentemente posta in amministrazione straordinaria.(…)

Leggi l’intero articolo pubblicato alle ore 14

Leggi Disposizioni
urgenti in materia di pubblica garanzia sui finanziamenti erogati dalla Banca
Centrale della Repubblica di San Marino.Decreto 1 giugno 2012

Leggi anche

A
San Marino, per i masnadieri della finanza, soldi della comunita’ e
salvacondotti giudiziari

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy