San Marino. Quelle critiche a Banca Centrale

Da parte dei partiti di opposizione, il commissariamento di Banca Commerciale Sammarinese ha dato la stura a una serie di critiche alla conduzione di  Banca Centrale della Repubblica di San Marino. Critiche che  vanno  rilevate, perché sostanzialmente nuove in questa forma così dura.

Di certo in passato Banca Centrale non ha fatto quello che il Paese si aspettava, anche per l’organizzazione generale del sistema. Basta pensare che, nel 2007, ha concesso a molti istituti una  incredibile proroga  fino al 2013 per mettersi in regola per quanto riguarda il patrimonio di vigilanza. E proprio quand’era in corso lo  scandalo
Banca del Titano
,  in  cui era impegnata in primo piano (con risultati che si sono rivelati disastrosi per lo Stato).

Ha detto, l’anno scorso,  un Segretario di Stato alle Finanze: fanno
più controlli gli enologi del consorzio vini che non la vigilanza di
BCSM
.

E, l’altro giorno, il commissario Rita Vannucci,  trattando del  rapporto fra malavita e sistema finanziario, ha affermato: Abbiamo vissuto un decennio di completa anarchia.

Ad esempio il dr. Stefano Caringi è più ricordato per le sue deposizioni presso la  procura di Forlì in cui si sarebbe lamentato per le interferenze dei politici sammarinesi sul suo lavoro, piuttosto che per il  lavoro  di vigilanza  effettivamente  svolto,  com’era nei suoi compiti a partire da Banca del Titano, unitamente al direttore Luca Papi ed al Presidente, Antonio Valentini.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy