San Marino. Ratificati in Consiglio i decreti che congelano i risparmi ex Cis

Ratificati i decreti che congelano i risparmi ex Cis. Rf: “È un bail-in alla sammarinese”. Per la segreteria e la maggioranza, soluzione necessaria: “Lo Stato al momento non ha 200 milioni per rimborsare gli ex correntisti”

Come previsto, a fare discutere sono stati i due decreti che hanno di fatto congelato i risparmi residui degli ex correntisti di Banca Cis. (…)

Il segretario alle Finanze, Marco Gatti, ha rimarcato la necessità del provvedimento con la conversione in titoli di stato delle obbligazioni date ai correntisti per coprire le somme depositate eccedenti i 100mila euro. I nuovo titoli di stato con scadenza a 15 e 20 anni, avranno a tassi dell’1,5 e 1,75%. Risparmi residui che, secondo la legge sulle risoluzioni bancarie, dovevano essere restituiti nel 2024 e nel 2026 e verranno invece congelati fino al 2037 e 2042. (…)

Nella sostanza la necessità della trasformazione in titoli è stata detta fuori dai denti da Giovanni Zonzini di Rete: “Lo Stato non ha oggi 200milioni di euro per rimborsare i correntisti”. (…)

L’opposizione ha fortemente contestato la disparità di trattamento con correntisti di altri crac bancari e Rf, in particolare, ha parlato di “bail-in alla sammarinese”. (…)

La maggioranza alla fine ha sostenuto la ratifica dei decreti con 28 sì, mentre dall’opposizione sono arrivati 11 voti contrari.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy