San Marino. Tangentopoli, Banca Centrale assistente ‘collaterale’ del gruppo criminale. L’informazione

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: Nella parte dell’ordinanza che ha ri-arrestato Podeschi in cui si parla di Bcsm, si rilevano verifiche dagli esiti pilotati / Autorita’ di controllo impegnate a non intervenire per l’affectio verso esponenti del gruppo criminale / Tra le carte sequestrate meticolosi appunti di Stolfi sul sistema clientelare che ha consentito scatti di carriera, assunzioni, trasferimenti di comodo

Autorità di controllo che non intervengono o intervengono per finta. In passato e fino ad oggi. E’ questo che dice la nuova ordinanza che ha accompagnato il ri-arresto di Claudio Podeschi e Biljana Baruca.

E lo afferma nella parte dedicata al ruolo di Banca centrale, che al momento sul punto non è intervenuta, e che gli inquirenti ritengono abbia fatto da “assistente collaterale” del gruppo criminale, addirittura adoperandosi – è il caso dei famosi 7 miliardi di dollari – per fare da apripista al flusso di denaro.

Una “sponda” che Via del Voltone avrebbe fatto, secondo gli inquirenti, alle spregiudicate attività della contestata associazione a delinquere.

L’ordinanza riporta una frase emblematica riferendosi, appunto, a Bcsm: “Proprio l’affectio degli apparati verso gli esponenti del gruppo criminale spiega perché le autorità di controllo, per anni, sono state impegnate a non intervenire, o ad intervenire pro forma, con esiti pilotati in modo da non perturbare lo status quo”. (…)

Leggi l’articolo per intero pubblicato il giorno successivo

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy