San Marino: velleità. Esempio, il casinò

A San Marino invece di rimboccarsi le maniche e cominciare ad affrontare la dura realtà, creata dalla connivenza politica ed affari, ci si continua a perdere dietro  progetti  senza fondamento, come  quello  di un mega  casinò. 

Quello del super  casinò sammarinese è, di fatto, un  esercizio di pura velleità, dato che San Marino  non ha ancora riscattato dall’Italia  il diritto di autorizzare l’attività del  gioco d’azzardo nel proprio  territorio.

Eppure  c’è  chi vagheggia di  rimpinguare le casse dello Stato sammarinese mettendosi ad “attirare e   spolpare”  col gioco  i “poveri ed ignoranti” delle zone viciniori: “noi abbiamo tutto il bacino della riviera romagnola, sono milioni di persone”!

Anche Patto per San Marino  è allettato da quei milioni di potenziali clienti? 

 Quanto ai “poveri ed ignoranti” residenti a San Marino, beh a quelli – diamine – si impedirà l’accesso al casinò.

Oppure  i permessi, per i sammarinesi, saranno regolati sulla base del reddito.

Che sia la volta buona  per varare, a San Marino,  un vera riforma fiscale, sulla base delle esigenze dettate da cotanto nobile obiettivo?

Sui giochi è stato scritto: “Storicamente, il gioco d’azzardo organizzato è stato sempre associato al crimine
organizzato

Se siamo arrivati all’essere costretti ad elemosinare la
salvezza attraverso questo tipo di scelte, significa che stiamo raschiando il
fondo del barile.

 

Previsioni
meteo di N. Montebelli
  

Vignette
di Ranfo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy