Staloni (SEL): Vogliamo chiarimenti sui rifiuti di San Marino, Ravennanotizie.it

Ravennanotizie.it

Staloni (SEL): Vogliamo chiarimenti sui rifiuti di San Marino

venerdì 18 ottobre 2013
Il Capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà in consiglio provinciale Nicola Staloni ha fatto un’interpellanza alla Giunta provinciale per ottenere chiarimenti in merito al conferimento in discarica a Ravenna di circa 3000 tonnellate di rifiuti provenienti dalla Repubblica di San Marino.
Staloni parte dall’accordo tra la Regione Emilia-Romagna e la Repubblica di San Marino “per la gestione dei rifiuti solidi urbani e speciali anche pericolosi destinati al recupero e allo smaltimento, in attuazione degli accordi vigenti”, siglato il 14 novembre 2011. Secondo l’intesa, di durata quinquennale la Regione Emilia-Romagna, “in ossequio al principio di prossimità, acconsente all’ingresso nel proprio territorio dei rifiuti provenienti dalla Repubblica di San Marino con la finalità di recuperarli o smaltirli”.
“Considerato che la Repubblica di San Marino si impegna a modificare la propria normativa di gestione dei rifiuti in modo da garantire: l’omogeneità nella classificazione e identificazione dei rifiuti secondo la normativa europea, la tracciabilità della gestione dei rifiuti dalla raccolta alla produzione, il rispetto dei quantitativi concordati anche mediante l’istituzione di un’Autorità, la riduzione dei rifiuti biodegradabili per i rifiuti urbani indifferenziati conferiti in discarica o, diversamente, ad assicurare il pretrattamento degli stessi. – continua Staloni –
Considerato che tra gli altri punti dell’accordo, è inoltre previsto che le Province di Forlì-Cesena e Rimini “stipuleranno specifiche intese finalizzate a concordare tutti i necessari aspetti operativi preliminari allo smaltimento dei rifiuti urbani prodotti nel territorio della Repubblica di San Marino e destinate ai rispettivi impianti provinciali”. Considerato che una circolare del Ministero dell’Ambiente obbliga il conferimento dei rifiuti in discarica solo previa trattamento di biostabilizzazione. Dato l’accordo di prossimità tra San Marino e le Province di Forlì-Cesena e Rimini – Staloni chiede – “perchè questi rifiuti vengono conferiti a Ravenna e non in discariche più vicino”. Chiede “se sia rispettata la circolare del Ministero dell’Ambiente conferendo i sopracitati rifiuti in discarica a Ravenna. Se la Provincia di Ravenna abbia deliberato il via libera necessario per conferire i rifiuti di San Marino in discarica e se sia stato siglato un accordo con San Marino così come è stato fatto tra lo Stato sammarinese e la Provincia di Forlì-Cesena e Rimini. Infine, dato l’eventuale extragettito derivante dal pagamento per il trattamento dei rifiuti se quella somma, circa 300.000 euro, l’esponente SEL chiede se non sia da “destinare ad un alleggerimento della TARES per tutti i cittadini ravennati.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy