Unas espone ad associati la ‘Rivoluzione Smac’

IERI SERATA DI CONFRONTO DELL’UNIONE ARTIGIANI.

UNAS ESPONE AD ASSOCIATI LA “RIVOLUZIONE SMAC”

UGOLINI: “OPERATORI SMARRITI, SERVE ASSISTENZA”   

Oltre 120 artigiani “a lezione” di Smac. Si è tenuta ieri al Grand hotel Primavera una serata di confronto riservata in via esclusiva agli associati di UNAS, Unione Nazionale Artigiani Sammarinesi, sulla “Smac Card e le nuove regole in materia di certificazione dei ricavi in via telematica”.

In una sala gremita, lo staff dell’Associazione ha illustrato le novità introdotte dal decreto delegato n.134/2014 e quindi gli obblighi a cui gli operatori dovranno adeguarsi, allo stato attuale delle norme, entro i termini probabilmente posticipati al 1° gennaio 2015, a seguito anche delle sollecitazioni della stessa UNAS.

Per questo l’incontro ha affrontato non solo l’aspetto normativo, i riferimenti alla legge e alle sanzioni, ma sono state presentate anche delle simulazioni operative.

Ai presenti è stato quindi distribuito un kit informativo con tutte le istruzioni necessarie per spiegare l’accesso alla rete Smac e l’uso del portale. Soluzioni per chi si trovasse comunque in difficoltà: UNAS ha attivato dei corsi personalizzati per gli associati, per fornire un ulteriore supporto tecnico.

La serata è stata anche l’occasione per l’associazione, a fronte della importante partecipazione, per raccogliere dalla platea osservazioni e proposte migliorative sul meccanismo di certificazione fiscale introdotte dalla riforma tributaria.

“In tre mesi è necessario attrezzarsi- spiega il segretario generale Pio Ugolini- per aiutare ad adeguarsi e capire dove è possibile intervenire con suggerimenti per dei correttivi che rispettino l’operatività delle imprese”.

Nel corso dell’incontro è stato affrontato un altro tema che preoccupa gli associati UNAS, la riforma della scontistica Smac che vede sul tavolo la proposta di un raddoppio per gli artigiani dell’aliquota dal 2 al 4%.-.

Infine, il confronto tra i partecipanti ha affrontato il tema in chiave prospettiva per tentare di proporre idee e soluzioni che rispettino sia i presupposti della riforma tributarie, sia l’operatività delle imprese. Ed in questo senso UNAS è impegnata a sviluppare delle proposte.  “Se esistono altre strade che è possibile percorrere – conclude l’associazione degli artigiani – che possono accontentare, ma anche semplificare la vita degli operatori dal punto di vista burocratico, è doveroso tentarle”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy