PREMESSA

– 0-2 –
PREMESSA  
A seguito di una recensione apparsa nel 1995 su un quotidiano di grande diffusione, ho avuto occasione di conoscere la stupenda pubblicazione Arte e storia nel Collegio Alberoni di Piacenza. Il Superiore del Collegio, padre Alberto Vernaschi, da me contattato, con molta cortesia e generosità ne ha voluto poi fare omaggio alla Biblioteca di Istituto della Scuola Secondaria Superiore della Repubblica di San Marino, di cui ero preside. Ed ha mandato, oltre ad alcune edizioni di minor mole, anche l’opera monumentale in quattro volumi Cento studi sul Cardinale Alberoni, curata da Giovanni Felice Rossi, Professore di Storia Ecclesiastica ed Archivista presso lo stesso Collegio. Sette di tali studi afferiscono all’episodio sammarinese e costituiscono la VI Parte del Volume II, intitolata: L’ANNESSIONE DELLA REPUBBLICA DI S. MARINO ALLA S. SEDE ORDINATA ALL’ALBERONI DAL PAPA CLEMENTE XII (1739). Ognuno dei sette studi è accompagnato da una documentazione ordinata, vasta e dettagliata, tratta dall’Archivio del Collegio.
Grazie agli scritti del prof. Rossi ho cominciato ad interessarmi – da curioso della storia sammarinese – all’episodio che ha come protagonista il card. Giulio Alberoni.
Sul comportamento del card. Alberoni è stato consumato un fiume d’inchiostro. Però la maggior parte delle pubblicazioni privilegiano i giudizi anziché i fatti. Rimane – almeno per i non addetti ai lavori come me – insoddisfatta l’esigenza di una ricostruzione dell’episodio basata direttamente sui documenti.
Qui ci si limita a prendere in esame quel che è accaduto a San Marino nei dodici giorni di permanenza del Cardinale, previo un inquadramento storico dell’episodio. Il contesto è importante. Svolge un ruolo fondamentale nell’intera vicenda e incide direttamente sul comportamento dei protagonisti. Si è avvertito il bisogno di osservarlo da più di un’angolatura e a diversi livelli di dettaglio: sammarinese, zonale, generale.
Marino Cecchetti

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy