Bloccato dalla Guardia di Rocca un traffico di capi d’abbigliamento contraffatti a San Marino, denunciato il titolare dell’attività

Bloccato recentemente dalla Guardia di Rocca un traffico di capi d’abbigliamento contraffatti nella Repubblica di San Marino. Denunciato per truffa e contraffazione il titolare dell’attività.

Ma andiamo con ordine. Nella mattina di sabato 27 novembre scorso, nella Repubblica di San Marino, una pattuglia della Guardia di Rocca ha sottoposto a controllo un autocarro targato Ucraina per una verifica dei passeggeri e del materiale in esso trasportato.
Dalla contestuale verifica dei documenti esibiti dal conducente, la pattuglia della Guardia di Rocca ha riscontrato, a seguito di una appurata verifica della carta di circolazione e delle targhe applicate, la loro falsificazione.
Nello specifico, la numerazione della targa è risultata essere rilasciata ad altro veicolo immatricolato in Ucraina, mentre la carta di circolazione era priva degli elementi di sicurezza oltre alle tecniche di stampa non conformi al tipo di documento.

Da inizio anno la Guardia di Rocca ha posto a sequestro tre veicoli poiché circolavano con falsa documentazione, in un caso il mezzo era oggetto di furto in Italia poi reimmatricolato in Polonia tramite la modifica del numero di telaio. In ogni circostanza è risultata fondamentale la stretta collaborazione diretta con le autorità dei Paesi coinvolti.

Nei giorni scorsi, a seguito di un’attività investigativa d’iniziativa intrapresa a fine luglio 2022, il personale della Sezione Operativa della Guardia di Rocca, su mandato del commissario della legge Elisa Beccari, ha eseguito la perquisizione nei locali di un’attività economica a Dogana dove, sono stati posti a sequestro 53 capi d’abbigliamento contraffatti delle marche Nike, Colmar, North Face, Gucci, Luis Vuitton e Stone Island.
L’attività, iniziata tramite il tracciamento di spedizioni postali, è stata resa fattibile grazie alla collaborazione degli enti italiani e stranieri coinvolti, nella fattispecie con Nike, che ha collaborato con la Guardia di Rocca eseguendo la perizia tecnica “Istor” sulle calzature di proprio interesse.
Il titolare dell’attività, un cittadino sammarinese, classe ‘84, è stato denunciato all’Autorità giudiziaria per truffa e contraffazione; nell’indagine è coinvolto anche un cittadino italiano residente nel catanese titolare di una società a Malta e nel Regno Unito. L’attività è tutt’ora in corso.

In ultimo, durante i controlli interforze predisposti in questi giorni volti alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, sono stati denunciati a piede libero 2 cittadini italiani per detenzione e introduzione di sostanza stupefacente segnatamente ad hashish; la sera di venerdì 18 novembre è stata ritirata la patente di guida italiana a un cittadino marocchino residente nel circondario per guida in stato di alterazione da bevande alcooliche, riscontrando un tasso alcol emico pari a 2,30 g/L.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy