Domani a San Marino il 2° appuntamento con “Opere prime”

Mercoledì 15 dicembre, alle ore 21 al Cinema Concordia di Borgo Maggiore, secondo film della rassegna “Opere prime. Diritti umani e conflitti”, organizzata dagli Istituti Culturali, in collaborazione con l’Università degli studi della Repubblica di San Marino.

“I film sono stati scelti sia per il loro valore di impegno civile sia perché testimoniano un modo di produrre indipendente e originale, che offre un’offerta alternativa alle produzioni mainstream”, sottolinea in una nota degli Istituti Culturali, Maria Elena D’Amelio, ideatrice della rassegna “Opere prime. Diritti umani e conflitti”.

La proiezione sarà dedicata a “The milky way” di Luigi D’Alife.

Il documentario, si legge nel comunicato, “racconta i territori di confine delle Alpi occidentali tra Italia e Francia in relazione alle persone che lo attraversano e agli abitanti che lo vivono, in una sorta di parallelo tra il ieri e l’oggi; il racconto di un territorio attraversato per millenni da rotte di emigrazione e immigrazione, una frontiera naturale ingannatrice che divideva una unica popolazione montanara”.

“L’area su cui oggi insiste il confine italo-francese ha costituito davvero un limite, com’era nell’intenzione dei poteri che controllavano quelle aree, oppure sono state soprattutto zone di passaggio, di scambio di osmosi, laboratorio di esperienze e convivenza? Partendo da questo interrogativo – riporta la nota -, il regista torinese Luigi D’Alife documenta la ‘rotta alpina’ attraverso testimonianze che compongono un quadro preciso del lungo percorso e delle motivazioni che portano migliaia di persone a valicare le Alpi mettendo a rischio la loro vita”.

Di giorno, le montagne tra Clavière e Monginevro “sono attraversate da migliaia di sciatori in vacanza sulla neve nel comprensorio sciistico ‘La Via Lattea’; di notte, sono percorse di nascosto tra i boschi da decine di migranti che lasciano l’Italia per proseguire il loro viaggio oltre il confine con la Francia”.

“The Milky Way” è “la storia di solidarietà degli abitanti e dei pericoli affrontati dai migranti, raccontata attraverso scorci di vita e graphic novel animate sullo sfondo del mondo di montagna nella consapevolezza che, qui come in mare, nessuno si lascia da solo”.

L’introduzione del film e il suo dibattito vedrà la partecipazione del regista Luigi D’Alife, in conversazione con la professoressa Maria Elena D’Amelio.

Prossimo appuntamento della rassegna sarà il 26 gennaio 2022 con “La versione di Jean” (2020) di Manuela Cencetti, Jean Diaconescu e Stella Iannitto.

Tutte le proiezioni avranno un costo di 4 euro.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy