Frontalieri Italia – San Marino, urgente un accordo

Dalla Centrale Sindacale Unitaria della Repubblica di San Marino si torna a sollecitare la definizione di un accordo per i lavoratori frontalieri italiani occupati presso aziende sammarinesi.

La franchigia di 8000 euro introdotta nel 2004, è un provvedimento di natura provvisoria il cui destino è soggetto all’annuale approvazione della legge finanziaria. Tale franchigia è giudicata insufficiente non soltanto per la ridotta incidenza economica rispetto al periodo della sua introduzione, ma anche perché non risolve la questione in maniera equa e definitiva, considerando anche il fatto che il TFR viene impropriamente tassato come una 14° mensilità. Senza dimenticare che le altre due grandi aree del frontalierato italiano, ossia Svizzera e Vaticano, non sono soggette a doppia imposizione: una stridente discriminazione che penalizza i lavoratori occupati a San Marino.

Vedi comunicato Centrale Sindacale Unitaria

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy