Furto di carne, affettato e di una bottiglia di vino. Condannata

Una 48enne di origine croata residente in Italia, il 9 gennaio del 2019 era entrata presso il Centro Natura di Dogana e aveva sottratto da un banco frigo affettato e carne per circa 65 euro e una bottiglia di vino da 7 euro. La Guardia di Rocca era riuscita a rintracciarla e l’aveva fermata. Interrogata, la donna aveva ammesso l’addebito, anche perché le immagini delle telecamere di sorveglianza lasciavano pochi dubbi.

Denunciata a piede libero, ieri è stata processata in contumacia. L’avvocato di parte civile, Maria Cristina Lonfernini, ha chiesto la condanna e il risarcimento del danno. Il Procuratore del fisco, Giorgia Ugolini, rilevando i numerosi precedenti penali della donna che tra l’altro aveva pagato una mula da 9000 euro in Italia, ha escluso lo stato di bisogno e ha chiesto la condanna a 4 mesi, 150 euro di multa, opponendosi alla non punibilità per particolare tenuità del fatto che era stata invece chiesta dall’avvocato d’ufficio Stefania Podeschi, richiamando il nuovo articolo 69bis

Il Commissario della legge Simon Luca Morsiani ha condannato la donna a 3 mesi e 15 giorni, alla confisca dei 100 euro che erano stati sequestrati alla donna e al risarcimento del danno alla parte lesa. Fissata anche provvisionale di 200 euro.

 

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino pubblicato integralmente dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy