I riminesi si blindano contro i ladri «Boom di antifurti e telecamere»

I riminesi si blindano contro i ladri «Boom di antifurti e telecamere»

La Vigilar: «Villette e appartamenti flagellati, nell’ultimo anno le richieste di impianti cresciute del 20%»

Villette e appartamenti martoriate dai ladri, e i riminesi corrono ai ripari. Se da un lato le denunce per furto registrate nel corso del 2022 sono tornate ai livelli pre-Covid (8.871 quelle raccolte durante l’anno dai carabinieri), cresce di pari passo anche il numero di famiglie che decidono di ricorre a sistemi antintrusione e videosorveglianza per blindare la loro abitazione. La conferma arriva direttamente dalle aziende che operano nel settore della sicurezza domestica. Tra queste c’è la Vigilar, attiva soprattutto nel Riminese e nelle Marche. «Nell’anno appena trascorso – spiega l’amministratore, Alessandro Giuliani – le richieste di sopralluoghi, finalizzati all’installazione di un sistema antifurto in appartamenti e ville, sono cresciute del 20 per cento rispetto al 2021. A contattarci sono soprattutto persone che hanno già subito almeno un furto o un tentativo di intrusione, e che per questo motivo hanno deciso di rafforzare le misure di sicurezza attorno alla casa. La nostra mission è quella di progettare, insieme al cliente, un sistema antifurto dotato di sensori e rilevatori e delle tecnologie più avanzate per fronteggiare 24 ore su 24 i tentativi di effrazione da parte dei malvienti. In tanti chiedono inoltre l’attivazione del collegamento con la nostra centrale operativa e del servizio di pronto intervento, con una delle nostre guardie giurate pronte a recarsi sul posto in caso di intrusione (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy