Intossicazione di massa in piscina, la Federazione sammarinese nuoto esclude qualsivoglia sua responsabilità o dei suoi collaboratori

Riceviamo e pubblichiamo

“La Federazione sammarinese nuoto, in merito a quanto avvenuto nella giornata di ieri presso la piscina di Tavolucci e di cui alle notizie apparse sugli organi di stampa, nel richiamare gli avvisi già diramati e il precedente comunicato rilasciato dal Comitato olimpico nazionale sammarinese, conferma la sospensione delle proprie attività presso detto impianto fino a quando non ne sarà stabilita la data di riapertura da parte delle autorità competenti.

Per quanto riguarda l’evento che ha determinato la chiusura dell’impianto, che pare riconducibile ad un errato conferimento di prodotti per il trattamento delle acque, la Federazione sammarinese nuoto esclude qualsivoglia sua responsabilità o dei suoi collaboratori, poiché trattasi di attività del tutto estranea alle sue competenze.

La Federazione sammarinese nuoto, pertanto, nell’esprimere il più profondo dispiacere per tutti coloro che sono rimasti coinvolti nell’accaduto, seguirà con attenzione gli sviluppi della vicenda rimanendo in stretto contatto con le autorità e con il Comitato olimpico nazionale sammarinese e garantendo il supporto e la collaborazione necessaria per la prosecuzione degli accertamenti, e si riserva di intraprendere ogni più opportuna iniziativa a tutela dei propri collaboratori e dell’utenza tutta oltre che a tutela di ogni suo diritto e della propria immagine.

La Federazione sammarinese nuoto, infine, sta riorganizzando le proprie attività per far fronte alla chiusura temporanea dell’impianto e comunicherà i tempi e le modalità di recupero dei corsi non appena verrà indicata la data di riapertura dell’impianto”.

Federazione sammarinese nuoto

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy