Monte Colombo (Rn). Il sindaco Fiorini sarà ascoltato domani dal Gip. La Voce di Romagna

Segue rettifica Agenzia Dare

Lamberto Abbati – La Voce di Romagna: Il sindaco-geologo davanti al gip domani mattina: la Procura contesta anche la corruzione, Eugenio Fiorini si dice sereno 

MONTE COLOMBO (RN). Si terrà domani mattina l’interrogatorio
del sindaco di Monte Colombo, Eugenio
Fiorini
, davanti al gip del Tribunale di Rimini.
Il noto geologo, finito agli arresti domiciliari (…) venerdì
scorso con le pesanti accuse di truffa aggravata
ai danni dello Stato, falso e abuso
d’ufficio, si dice sereno e convinto di poter
chiarire ogni addebito mosso dalla Procura
nei suoi confronti. 

Procura che contesta
al primo cittadino anche il reato di corruzione
in merito allo sblocco nel 2011 della
polizza fideiussoria di 300mila euro in favore
della comunità ‘Amici del Lago’ che
sarebbe avvenuto dietro la promessa di
voti alle ultime elezioni (…)

In
buona sostanza, non ci sarebbero le prove
sufficienti. A sostegno della tesi accusatoria,
però, spunterebbe un’intercettazione
telefonica (…).

 

+++++++++++++

Rettifica Agenzia Dare

Comunicato stampa
Il
sottoscritto Scalbi Luigi, presidente pro tempore dell’Associazione
Dare, in relazione al contenuto degli articoli giornalistici apparsi
sulla stampa locale in data tre, quattro, cinque e sei ottobre 2015, al
fine di fornire un’informazione completa e veritiera sull’evento oggetto
di cronaca, precisa quanto segue.
1.    In data 30.11.1988
l’Associazione Dare, a seguito di regolare autorizzazione ad effettuare
la realizzazione delle opere di urbanizzazione a completamento delle
strutture in corso di costruzione, sottoscriveva idonea polizza
fideiussoria a favore del Comune di Monte Colombo (Rn) a garanzia della
effettiva realizzazione di opere di urbanizzazione primaria come
previsto dal “piano particolareggiato di iniziativa privata per il
recupero urbanistico” relativamente alle opere di via Canepa. La polizza
fornisce la garanzia alla pubblica amministrazione che il privato, a
seguito di autorizzazione concessa ad effettuare opere infrastrutturali,
provveda al completamento delle stesse. Tale completamento avveniva in
data 08/05/1992 mediante il deposito a protocollo di tutta la
documentazione necessaria richiesta. L’atto conseguente a tale deposito
doveva consistere nell’emissione di un‘autorizzazione allo svincolo
della polizza di fidejussione avendo ottemperato agli obblighi di legge e
completato tutte le opere di urbanizzazione. Tale atto non veniva mai
emesso nonostante numerosi solleciti.
2.    In data 23/02/2001, a
seguito di ulteriori aggiornamenti documentali alla pratica in oggetto,
il ns consulente tecnico rinnovava la richiesta integrandola con altra
documentazione nel frattempo resasi necessaria atteso il trascorrere del
tempo ed il sedimentarsi di provvedimenti normativi aggiuntivi.
Nonostante l’ulteriore integrazione mai nessun provvedimento veniva
emesso dall’amministrazione in merito alla nostra richiesta di svincolo
per la polizza citata.
3.    Nel mese di Gennaio del 2011, a seguito
di ulteriori richieste formulate per le vie brevi agli uffici competenti
del comune di Monte Colombo ci veniva evidenziata la mancanza del
verbale di collaudo, eseguito da tecnico abilitato, di una delle opere
di urbanizzazione realizzate nel 1992. Nonostante avessimo rappresentato
che tale collaudo fosse stato già effettuato da un ingegnere di Rimini
anche alla presenza di nostro tecnico dopo in deposito degli atti
inerenti il completamento dei lavori del 1992, l’atto non si trovava in
pratica. Si decideva, pertanto, al fine di concludere definitivamente la
pratica di incaricare un tecnico abilitato di Rimini per la stesura del
certificato tecnico di collaudo con onere di spesa totalmente a nostro
carico. Lo stesso veniva definitivamente depositato e protocollato in
data 12/05/2011 e solo a seguito di ciò l’amministrazione emetteva un
provvedimento di svincolo della predetta polizza.
4.    Desidero
evidenziare che la polizza in oggetto, in essere dal 1992 al 2011 è
stata sempre regolarmente pagata per un costo complessivo pari a €
28.308,00 (VENTOTTOMILATRECENTOTTO €). A tale importo occorre
considerare (aggiungere) il costo del sopralluogo di collaudo citato. E’
palese che se l’amministrazione avesse provveduto ad ottemperare nei
tempi e nei modi previsti non avremmo patito il danno economico
derivante dalla tenuta in vita della polizza fideiussoria ben oltre i
termini necessari.
Tanto si riferisce per dovere di cronaca pregando
di darne comunicazione negli stessi modi e termini in cui è stata data
quest’oggi la notizia sulla vostra testata.
Ringraziando per la collaborazione,
il presidente dell’Associazione DARE,
Luigi Scalbi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy