Rimini. Spiagge ridotte a paludi: i bagnini fanno la conta dei danni

Il Resto del Carlino. Spiagge ridotte a paludi: i bagnini fanno la conta dei danni / Molti stabilimenti ancora allagati, cabine e arredi da rifare

RIMINI. Stabilimenti ridotti a vere e proprie paludi. Danni anche in alcuni bar e ristoranti di spiaggia, costretti a cambiare attrezzature, sedie e tavoli danneggiati dal maltempo. La conta dei danni è appena partita, ma non sono pochi i problemi causati ai bagnini dalle piogge e dalle nevicate dei giorni scorsi. «Purtroppo in alcuni punti la spiaggia non riesce più ad assorbire l’acqua, a causa delle piogge, della neve e del mare, che non riusciva più a ricevere. Abbiamo usato anche le pompe, ma fino a quando le condizioni del mare non cambieranno e non tornerà un po’ di sole, sarà complicato sistemare gli stabilimenti danneggiati», allarga le braccia Mauro Vanni, presidente della cooperativa bagnini di Rimini sud. UNA STIMA precisa dei danni ancora non è stata fatta. «Noi non abbiamo ricevuto segnalazioni particolari – ammette Vanni – ma è evidente che molte attrezzature e le stessa cabine si sono ammalorate a causa dell’acqua. E’ stata una situazione eccezionale». Il timore dei bagnini, viste anche le previsioni meteo (previste altre piogge), è quello di non riuscire a ripulire e a rendere presentabili la spiaggia in tempo per Pasqua. A Marina centro, in particolare, dove gli stabilimenti cercano sempre di farsi trovare pronti per il Paganello e le altre manifestazioni pasquali. Quest’anno non sarà facile riuscirsi, dopo i danni provocati dal maltempo. Alcune zone di spiaggia, inclusa quella del Grand Hotel, sono ancora completamente allagate e impraticabili. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy