San Marino. Csu: “Azioni di responsabilità verso chi ha provocato la crisi delle banche”

SAN MARINO. Il presente e il futuro di San Marino sono strettamente legati al superamento della crisi del sistema bancario. Dal sindacato e dai lavoratori torna la richiesta di avviare azioni legali di accertamento delle responsabilità verso coloro che hanno portato il sistema bancario al dissesto, anche rivalendosi sui loro beni e patrimoni. 

“Tutto il paese- si legge nella nota- è schiacciato dal debito prodotto in particolare da Cassa di Risparmio, pari a 220 milioni di euro, che ha portato il debito consolidato complessivo dello stato a circa 300 milioni”. La CSU chiede chiarezza anche sui 500 milioni di ulteriore debito di Carisp derivati dalla vicenda del gruppo Delta. Si tratta di una debito sovrastimato- mandano a dire i sindacati- “dato che oltre 100 milioni dovrebbero essere incamerati dalla vendita degli NPL, e altre importanti somme possono arrivare dal recupero di ingenti tasse pagate dallo stesso gruppo Delta all’erario italiano, senza che tali somme fossero dovute”.

Leggi il comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy