Rimini. Nuova vita per l’ex discoteca Paradiso, ma niente balli

Presentato in Comune il progetto di riqualificazione. La proprietà: «Diventerà un centro dedicato alla cultura e all’arte».

MANUEL SPADAZZI – Bentornati in Paradiso. Ma dello storica discoteca, che è stata per quasi mezzo secolo uno dei locali simbolo di Rimini e della Riviera, resterà (forse) solo il nome. Niente più balli sulla collina di Covignano: il Paradiso diventerà un moderno centro per l’arte e la cultura, che ospiterà mostre e conferenze, eventi e presentazioni. Così ha deciso la Filo srl, la società che si è assicurata all’asta il Paradiso, nell’ottobre del 2018, per 985mila euro. E’ stato un affare per la società (la prima asta partì da 3 milioni), che ha atteso anni prima di finalmente di presentare il progetto per l’ex discoteca. Un progetto (nella foto in basso uno dei rendering) che è stato depositato proprio ieri negli uffici comunali. «Per decenni il Paradiso è stato un luogo simbolo dell’immaginario riminese, che ci ha fatto conoscere in tutta Italia e nel mondo – premette Gabriele Baschetti, il commercialista socio dello studio Skema e amministratore unico della Filo srl – E oggi vogliamo restituire alla città un luogo che racconti la nuova dimensione di Rimini e della Riviera”. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy