San Marino. Codice etico dei Consiglieri, entro fine anno la pubblicazione di redditi e debiti

Per ora mancano all’appello i documenti di due consiglieri che dovevano essere consegnati entro il 15 novembre. Fissato intanto il Consiglio.

Codice etico dei Consiglieri, entro fine anno la pubblicazione della dichiarazione dei redditi, partecipazioni societarie e posizioni debitorie di tutti i consiglieri. Il tema è stato nuovamente sollevato ieri in Ufficio di presidenza. Dopo l’approvazione della legge, infatti, già più volte l’attuazione del codice e la pubblicazione dei dati richiesti è stata sollecitata. Ieri, di nuovo, il problema è stato posto da Libera, anche perché lo scorso 15 novembre è scaduto il termine per i consiglieri di presentare l’apposita modulistica che è stata predisposta. Presentata da tutti tranne due Consiglieri. Chi fossero è stato chiesto da Nicola Renzi nell’ambito dell’ufficio di presidenza ed è emerso che si tratta di Rossano Fabbri, presente all’Udp, il quale ha da un alto rimarcato la propria posizione di principio, condividendo in sostanza da un lato la presentazione, meno la pubblicazione. Ha comunque affermato di non avere presentato ancora la modulistica per dimenticanza. All’appello manca anche la presentazione della modulistica da parte di Alessandro Mancini, di Npr. Non è prevista sanzione, comunque, per questa mancata presentazione, resta tuttavia il fatto che entro la fine dell’anno la documentazione prevista dovrà essere pubblicata.

Toccherà poi ai membri del Congresso di Stato presentare a loro volta la documentazione. In ufficio di presidenza si è poi aperto un dibattito sull’opportunità che anche gli esponenti della magistratura, non solo politici, dunque, ma la pubblicità di tutti i rapporti tra amministrazione e stato in generale e cittadini, ha proposto Gian Nicola Berti.

Al di là del codice etico, che ha occupato buona parte della discussione in ufficio di presidenza, ieri, è stato fissato il prossimo Consiglio Grande e generale che si riunirà dal 28 al 30 novembre e dal primo al 2 dicembre.

All’ordine del giorno, oltre alla prima lettura della legge di bilancio, approda anche in seconda lettura la “Riforma delle norme relative all’occupazione”. Seconda lettura anche per il progetto di legge “Nuova disciplina dell’Istituto Giuridico Sammarinese” (presentato dalla Segreteria di Stato per l‘Istruzione e la Cultura) e del Progetto di legge “Modifiche all’istituto dell’Art Bonus. Istituzione, disciplina e funzionamento del Fondo sammarinese per la Cultura” (presentato dalla Segreteria di Stato per l‘Istruzione e la Cultura).

Previste in discussione anche tre Istanze d’Arengo:

“- affinché la Stele commemorativa dell’Arengo delle Famiglie di persone con disabilità trovi una collocazione adeguata nel Centro Storico di San Marino Città (Istanza d’Arengo n.13)

–  affinché siano adottate misure idonee a ridurre il numero dei casi di violenza sulle donne che si prescrivono e sia garantito che tutti gli atti di violenza contro le donne contemplati dalla Convenzione di Istanbul siano perseguiti rapidamente (Istanza d’Arengo n.17)

– affinché sia attuato un piano d’azione nazionale globale contro la violenza sulle donne (Istanza d’Arengo n.20)

Entrano in prima lettura, poi, il “progetto di legge “Legge Quadro in materia di Società benefit” (presentato dalla Segreteria di Stato per l’Industria, l’Artigianato e il Commercio)” e il “progetto di legge “Legge Quadro in materia di Società benefit” (presentato dalla Segreteria di Stato per l’Industria, l’Artigianato e il Commercio)”.

Tra i punti all’ordine del giorno anche le dimissioni dal Direttivo di banca centrale di Giacomo Volpinari. All’ultimo punto all’ordine del giorni prevista poi la votazione di due ordini del giorno di Libera, il primo “per impegnare il Congresso di Stato ad estendere il sistema di raccolta dei rifiuti mediante il sistema porta a porta e per disporre che venga convocata entro la fine dell’anno in corso la III Commissione Consiliare Permanente per audire i vertici dell’A.A.S.S. sulle attività dell’Azienda medesima in particolare sulla gestione dei rifiuti, unitamente ai Segretari di Stato competenti in materia (depositato in data 14 novembre 2022)”; il secondo “per calendarizzare entro un mese un apposito dibattito per discutere di precise linee politiche relativamente al tema della sicurezza all’interno della Repubblica al fine di migliorare l’organizzazione, gli strumenti, la formazione e la cooperazione fra le forze di polizia e l’eventuale coinvolgimento dei corpi volontari in determinate situazioni di emergenza (depositato in data 14 novembre 2022)”.

 

Articolo tratto da L’informazione pubblicato integralmente dopo le 22

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy