San Marino. Consiglio Grande e Generale, lo sfogo di Righi

Motus Liberi mette in luce le angherie che subisce, ma poi si adegua come sempre

Righi fa l’elenco dei progetti che la sua stessa maggioranza gli ha boicottato

Il comma comunicazioni mette in evidenza tutte le fibrillazioni della maggioranza e conferma che tutta questa convinzione nel fare le riforme necessarie non c’è. Lo rilevano da Motus Liberi i consiglieri e il segretario all’Industria Fabio Righi. (…)

Il Segretario di Stato all’industria Fabio Righi: “Il progetto di sviluppo c’era, c’è, è stato condiviso con sindacati e categorie, ma si è arenato per ragioni politiche. Le categorie – ha aggiunto – erano al tavolo di quel progetto. Per quale motivo si è arenato? Si è fermato. Se non si sa dove andare si rincorre l’emergenza. A questo punto io non chiedo più quali riforme si vogliono fare, ma se le si vuole fare le riforme. Progetto di digitalizzazione, anche qui fortemente rallentato. Lo vogliamo fare o no questo? Il tavolo per trovare soluzioni – dice riferendosi al progetto 2030 -si era fatto: è stato boicottato. Progetto sugli asset virtuali: bloccato. C’erano provvedimenti di ampliamento delle aziende: bloccati. C’è un progetto per il sistema di adeguata verifica, palla al piede del sistema, abbiamo la norma pronta, perché non la depositiamo? Allora – ha concluso – vogliamo intervenire? Siamo convinti? Sennò dovremo prendere atto che anche questo governo non è riuscito a fare quello che serviva al paese, perché ha anteposto ragioni di natura politica a quello che effettivamente era necessario”.

 

Articolo tratto da L’informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy