San Marino. Crocifisso, bene a metà

Crocifisso, bene a metà

Ai faccendieri che – pur ben ammanicati a Roma e sul Titano – hanno tentato per anni di piazzare due piccoli crocifissi lignei ‘gemelli’ come opere di Michelangelo Buonarroti, è andata bene a metà. L’Italia, per uno dei due, ha sborsato 3,2 milioni di euro nel 2008. Decise Sandro Bondi “in qualità di ministro dei Beni culturali, con il parere vincolante” di un comitato su prezzo e attribuzione. Il crocifisso ‘gemello’ portato sul Titano dall’ambasciatore sammarinese in Egitto Giacomo Maria Ugolini, fu ereditato da certo Angelo Boccardelli, presente nelle cronache e della massoneria e della ‘ndrangheta. Custodito dapprima nel caveau dell’Euro Commercial Bank, ora è in quello di Banca Centrale. L’8 luglio scorso il Tribunale di Rimini, previa sentenza della Cassazione, ha stabilito che, relativamente a detto crocifisso, non fu commesso il reato di “esportazione abusiva di beni culturali” dall’Italia a San Marino, perché l’attribuzione è sbagliata (…)

Marino Cecchetti per L’informazione

Leggi l’articolo integrale di Marino Cecchetti pubblicato dopo le 23

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy