San Marino. Energia elettrica, Aass chiede ancora nuovi aumenti

È la terza richiesta in sei mesi motivata dall’andamento del mercato energetico. L’ultimo adeguamento risale a dicembre 2021.

ANTONIO FABBRI – È dello scorso 25 maggio la delibera numero 157, pubblicata in questi giorni, del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda dei Servizi con la quale viene proposto all’Autorità per l’energia un nuovo aumento della bolletta della luce. Una nuova richiesta di variazione, con tutta evidenza al rialzo, che viene motivata con l’andamento dei mercati di approvvigionamento energetico e anche con l’incremento dei consumi.

Dalla delibera non emerge a quanto ammonti la richiesta di aumento, ma vengono dunque indicate le motivazioni della proposta: “considerato l’andamento dei mercati energetici nonché l’incremento dei consumi registrati negli ultimi mesi che hanno provocato un ulteriore aumento dei costi di approvvigionamento della materia prima” si chiede all’Autorità la “revisione delle tariffe di fornitura e distribuzione dell’energia elettrica per il secondo semestre 2022

Si tratta della terza richiesta di aumento della bolletta della luce nel giro di sei mesi.

La prima richiesta era stata fatta a novembre 2021 ed era stata accolta dall’Autorità per l’energia a dicembre 2021. Quindi in quell’occasione si è stabilito l’aumento dell’elettricità, che sembrava dovesse esser riferito a tutto il 2022.

Una seconda richiesta era stata poi formulata a marzo di quest’anno, ma proprio l’Autorità per l’energia aveva risposto picche, rilevando con delibera del 21 marzo 2022 numero 3, che le motivazioni della modifica tariffaria richiesta erano legate all’andamento dei mercati e dalle difficoltà di bilancio dell’Azienda dei servizi, due aspetti che però la stessa Aass aveva sottolineato presentassero delle “minime esposizioni alle fluttuazioni del mercato” per il portafoglio 2022. L’Autorità aveva quindi confermato l’aumento già stabilito a dicembre 2021 sottolineando che nuovi eventuali aumenti sarebbero stati ridiscussi a dicembre 2022. Ma dicembre è ancora lontano ed evidentemente Aass non ce la fa ad attendere la fine dell’anno senza adeguare le tariffe nuovamente. Di qui la nuova proposta del 25 maggio scorso.

Si vedrà, adesso quale posizione prenderà l’Autorità per l’energia che nella sua precedente delibera intendeva rimandare tutto a fine anno. Deliberava infatti l’Autorità: “cosciente del momento molto particolare dei mercati dell’energia, e cosciente che, grazie all’operatività di A.A.S.S., il costo definito resterà tale per tutto il 2022, l’Autorità ha deliberato le nuove tariffe, con scadenza al 31 dicembre 2022. In quella sede saranno riesaminate le nuove condizioni di mercato, e qualunque altra nota, riflessione o informazione aggiuntiva A.A.S.S. vorrà fornire a questa Autorità”.

La richiesta dell’azienda dei servizi sollecita, invece, di rivedere questa determinazione e procedere a nuovi adeguamenti.

 

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino pubblicato integralmente il giorno dopo

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy