San Marino. Giovanni Giardi: “Per la disabilità solo celebrazioni e violazione degli obblighi?”

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio di Giovanni Giardi dal titolo “Per la disabilità solo celebrazioni e violazione degli obblighi?”:

“In vista del 3 dicembre, Giornata internazionale delle persone con disabilità proclamata dall’Onu nel 1981, un bel comunicato di Attiva-Mente (una delle associazioni più attive nel campo della disabilità), teme che finisca come sempre in celebrazioni e si scordino gli obblighi dovuti dalle Convenzioni e dalle leggi.

San Marino non ha trascurato gli adempimenti formali e protocollari della convenzione, ed anche all’interno si è dotato di strumenti normativi che si presentano come avanzati (anche se i tempi di obsolescenza in questo campo sono veloci e necessitano di frequenti aggiornamenti).

Ma le norme da sole non bastano se non trovano applicazione in provvedimenti concreti. In particolare, dei tre grandi obiettivi dell’inclusione (scolastica, lavorativa e sociale), solo l’inclusione scolastica ha fatto passi notevoli e si arricchisce oltre la normativa soprattutto con il suo retro – effetto educativo sulle nuove generazioni.

Per l’inclusione lavorativa, traguardo perseguito per la dignità e la socializzazione dei diversamente abili, un progetto di legge per riformare le norme del 91 è stato elaborato dalla Commissione Csd-Onu e presentata alla segreteria per il Lavoro già dal 1917. Nonostante le promesse di soluzione tempestiva ancora non se ne sa niente.

Per l’inclusione sociale, i principali nodi restano il diritto alla vita indipendente, la sensibilizzazione, il ‘Dopo di Noi’, le barriere architettoniche, nuovi centri di socializzazione e alternative all’unica risposta estrema dello Stato con la Rsa di Fiorina, peraltro largamente insufficiente. A quando una ricognizione chiara di questi problemi assieme alle associazioni che li vivono direttamente e l’avvio di un processo serio di soluzione?

Un tema di urgente attualità è l’attenzione al caregiver, a chi si fa carico dell’assistenza al disabile. Serve una regolamentazione e un riconoscimento. Dalla recente riforma delle pensioni mi sarei aspettato un’attenzione a questi problemi: anticipo della pensione per familiari che lasciano il lavoro per occuparsi di un familiare disabile, riconoscimento dei contributi figurativi per chi ancora non può andare in pensione e lascia il lavoro per lo stesso motivo, un fondo per aiutare i pensionati che debbono ricorrere all’assistenza personale a casa o in Rsa, per le cui spese non c’è pensione che basti.

Sono tempi di difficoltà anche economiche: facciamo che a pagare non siano soprattutto i più fragili e i più deboli, che non resti indietro nessuno. Avviamo assieme l’idea di una nuova di socialità”.

Giovanni Giardi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy