San Marino. Giunta di Castello Chiesanuova per Srebrenica

Riceviamo e pubblichiamo.

Nel giorno del massacro di Srebrenica, il peggior crimine di guerra compiuto in Europa dopo il secondo conflitto mondiale, la Giunta di Castello di Chiesanuova commemora il dolore delle vittime. Si unisce al cordoglio di tutte le persone civili e attende di conoscere l’esatto destino dei criminali processati al Tribunale dell’Aja che tante sofferenze e dolore hanno provocato. Srebrenica, come Marzabotto, è oggi una città-simbolo per tutti gli uomini di buona volontà. La comunità jugoslava fu aggredita dal flagello della guerra. Da allora, quella comunità, segnata nel profondo, ha trovato nella comunità sammarinese riunita a Chiesanuova un costante gesto di solidarietà e interesse per la memoria e per il presente. Non a caso è stata posta a Chiesanuova una targa commemorativa nell’anniversario dell’eccidio di Srebrenica. Essa è tra le prime in Europa a scolpire nella pietra il perenne monito contro quella violenza disumana e irrazionale, perpetrata contro un popolo e l’umanità tutta. Ma oggi quella targa è soprattutto uno dei simboli della fratellanza della gente sammarinese con le genti d’oltre Adriatico che prosegue dal tempo della venuta di Marino da Arbe e mai esaurisce la sua carica vitale.  

[c. s. Giunta di Castello Chiesanuova]

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy