Scuole di San Marino plastic free, oltre 40mila bottigliette d’acqua risparmiate in soli 2 mesi

“Il Progetto Scuole: San Marino Plastic Free è uno dei primi passi concreti verso l’eliminazione della plastica monouso che la Repubblica di San Marino ha messo in atto”.

Lo sostiene tramite una nota il Segretario per il Territorio Stefano Canti, che diffonde i dati degli ultimi due mesi degli erogatori d’acqua dislocati nelle scuole di San Marino, progetto in cui sono coinvolti anche Aaslp, Dipartimento Prevenzione ISS, Tavolo per lo Sviluppo Sostenibile, Associazione Studentesca Sammarinese e Fridays For Future SM.

I tre erogatori della Scuola media di Serravalle hanno erogato complessivamente 1.451 litri d’acqua, i 4 installati alla Scuola media di Fonte dell’Ovo hanno erogato 9.218 litri d’acqua.
Sono sei gli erogatori installati alla Scuole Superiori che in totale hanno erogato 7.474 litri d’acqua. I due erogatori dell’Università degli Studi installati nella sede del centro storico sono stati utilizzati per un totale di 1.530 litri mentre quello dell’Università degli Studi della sede WTC ha erogato un totale di 2.511 litri d’acqua.

In totale in soli due mesi sono stati erogati 22.184 litri d’acqua per un risparmio di 44.368 bottigliette da 0,5 litri risparmiate.

“Dati – scrive la Segreteria – che confermano l’apprezzamento del progetto da parte degli studenti”.

“La manutenzione degli erogatori – spiega Canti – è curata dal Servizio Tecnologico dell’Aaslp e prevede la pulizia e la sanificazione periodica di filtri e tubazioni al fine di garantire l’erogazione di acqua con parametri definiti dalla legge per le acque potabili destinata al consumo umano. Parallelamente il Laboratorio di Sanità Pubblica del Dipartimento Prevenzione ISS esegue periodici prelievi di campioni d’acqua al fine di verificare il rispetto di tali parametri.

Questo per garantire la massima sicurezza degli utenti che usufruiscono del servizio. Un considerevole sforzo per la pubblica amministrazione volto alla riduzione dei rifiuti di plastica”.

Canti inoltra ricordo che è entrato in vigore l’articolo di Legge del Codice Ambientale che prevede il divieto di commercializzazione e distribuzione di prodotti in plastica monouso.

“Tutti gli esercenti di attività di somministrazione di cibi e bevande e i distributori automatici sul territorio della Repubblica, sono tenuti a distribuire contenitori per alimenti, posate, piatti, bicchieri, palette e cannucce monouso, in materiale compostabile, in luogo di quelle in plastica”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy