Si chiude con la pubblicazione del “Country Profile” di San Marino la 83a sessione del Comitato UNECE

“Grazie a questo studio realizzato dalle Nazioni Unite ora sappiamo quali sono i nostri punti di forza e le raccomandazioni per migliorare nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile”, spiega il Segretario per il Territorio Stefano Canti .

Una settimana piena di successi, aperta con la firma della Dichiarazione di San Marino per la progettazione sostenibile promossa dall’ONU che ha visto come primo firmatario Lord Norman Foster – oltre che dei molti presidenti degli ordini professionali di San Marino ed Italia – e conclusa con la pubblicazione del “Country Profile”, documento che analizza gli indicatori, riferiti all’obiettivo 11 sulle città sostenibili, della Repubblica e fornisce raccomandazioni per migliorare nel raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Un bilancio estremamente positivo, che rende orgoglioso me e la mia Segreteria di essere stati i primi ad ospitare un evento delle Nazioni Unite in territorio – ha commentato nella conferenza stampa conclusiva il Segretario Stefano Canti -. Abbiamo lavorato su più fronti, dalla Dichiarazione di San Marino, che rimarrà nella storia come primo documento sui principi dell’architettura sostenibile, alla realizzazione del bosco UNECE e non da ultimo la pubblicazione del “Country Profile”, ovvero un profilo di San Marino redatto dall’ONU dove vengono messi in evidenza i punti di forza del nostro territorio e le raccomandazioni per migliorare le criticità. Su questi ultimi  aspetti dovremo lavorare per poter rendere il nostro Paese piú sostenibile e resiliente per fronteggiare al meglio la lotta al cambiamento climatico“.

75 anni fa, l’UNECE veniva fondata in un periodo di grandi avversità, per aiutare l’integrazione economica e la ricostruzione di un’Europa devastata dalla guerra. Ancora oggi, questo organismo dimostra l’importanza nella cooperazione e condivisione d’esperienze e competenze, soprattutto quando si parla di sviluppo urbano, edilizia abitativa e gestione del territorio. Sfide affascinanti, ma complesse: proprio per questo motivo, durante la conferenza il Comitato ha concordato il potenziamento del pionieristico Forum dei Sindaci, una piattaforma per mettere in pratica un nuovo multilateralismo in rete e inclusivo.

“Siamo felici di poter essere stati ancora una volta sede di condivisione di buone pratiche ambientali – ha dichiarato in conclusione Paola Deda, direttrice UNECE – Quella di San Marino non è una sfida facile ma io credo che tutto sommato le raccomandazioni incluse nel profilo finale del Paese siano fattibili”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy