Un Consiglio Grande e Generale al maschile

La composizione del nuovo Consiglio Grande e Generale è di stampo prettamente maschile. Sono infatti poche le donne che faranno parte del prossimo parlamento, per l’esattezza 9.
Alleanza Popolare è la forza politica che ne schiera di più, 3 su 7 eletti con 2 donne elette al primo e al secondo posto. Presenza femminile a livello minimo, invece, nella lista Pdcs-Eps-Arengo e Libertà, una sola donna su 22 eletti. Ma non spicca nemmeno la composizione del Psd che schiera 2 donne su 18 consiglieri. Nella Lista della Libertà entra una donna su quattro eletti; due quelle che siederanno in Consiglio per Sinistra Unita, anche grazie alla legge elettorale che, a parità di voti ricevuti, permette a Vanessa Muratori di entrare al posto di Augusto Michelotti.
Questa legislatura vedrà dunque 9 parlamentari “rosa”. Ma la presenza femminile non è stata mai forte in Consiglio. Le elezioni del 2006 hanno portato in parlamento 7 donne, numero inferiore a questa ultima tornata elettorale. Una nella Dc, 2 nel Psd, una in Ap, una in rappresentanza dei Sammarinesi per la Libertà, 2 in Sinistra Unita.
La tornata elettorale del 2001 elesse una rappresentanza femminile più elevata. 10 le donne che entrarono in Consiglio, 5 delle quali sedevano nella fila del Partito dei Democratici, 2 in quelli della Dc, una tra i Socialisti, una in Ap, e una in Sinistra Unita.

(Myriam Simoncini, San Marino Rtv)

Elezioni politiche di domenica 9 novembre 2008:

vedi quadro riassuntivo.

vedi
i dati in dettaglio.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy