Carisp San Marino. Ricorso di Estuari al Tribunale di Bologna

A quanto scrive David Oddone di L’Informazione di San Marino il piano di ristrutturazione di Delta, illustrato  ai primi  di giugno  da Tito Masi, Presidente della Fondazione San Marino, e Leone Sibani, Presidente della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, è ancora all’esame del Tribunale di Bologna, causa alcuni ricorsi, fra cui quello di Estuari.

Titolo:  Ricorso in tribunale: “si sta ottenendo l’assurdo risultato di favorire proprio ciò che la Banca d’Italia e il ministero dell’Economia e delle Finanze hanno inteso sanzionare”  / Estuari: “con l’accordo Delta si agevola posizione di dominio di Carisp” 

Estuari ha proposto ricorso presso la sezione fallimentare del Tribunale di Bologna, contro – fra gli altri – Delta  “avverso l’omologazione di accordo di ristrutturazione dei debiti”.  

 
In pratica – secondo la tesi di Estuari – con l’Accordo “non si fa altro che agevolare l’abuso da parte di Crsm della propria posizione di dominio esercitata su Delta in forza dei contratti di finanziamento stipulati con Delta e le altre società del Gruppo, ottenendo l’assurdo risultato di favorire proprio ciò che la Banca d’Italia e il Ministero dell’economia e delle finanze hanno inteso sanzionare ed a cui hanno inteso porre rimedio con l’avvio dell’amministrazione straordinaria”. E ancora prosegue Estuari: “L’omologa dell’Accordo determinerebbe quindi l’effettuazione di pagamenti in violazione delle norme di diritto societario e lo ‘svuotamento’ di Delta e del Gruppo a tutto vantaggio di un unico azionista, che ha peraltro agito in chiaro conflitto di interessi abusando della propria posizione di dominio e, anche solo per tali motivi, dovrà essere rigettata”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy