Riciclaggio, il Consiglio d’Europa riconosce una consolidata giurisprudenza di San Marino

Riciclaggio, Consiglio d’Europa conferma la giurisprudenza del Titano sulle confische

ANTONIO FABBRI – È di ieri pubblicazione di un rapporto del Comitato per la convenzione antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo del Consiglio d’Europa, la cosiddetta “convenzione di Varsavia”, che raccomanda agli Stati membri una azione di maggior rigore ed efficacia nella applicazione “dell’inversione dell’onere della prova sull’origine lecita di presunti proventi o altri beni passibili di confisca in caso di reati gravi”. Nello specifico la raccomandazione cita anche San Marino verso il quale il Comitato, da un lato, riconosce una consolidata giurisprudenza che, nel caso di denaro di provenienza illecita oggettivamente riscontrata, inverte di fatto l’onere della prova chiedendo all’indagato/imputato di dimostrare che si tratti, invece, di denaro pulito; dall’altro lato, comunque, il Comitato invita l’autorità sammarinese a consolidare ulteriormente il principio, fissandolo in una norma di legge. (…)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Leggi l’articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy