Rimangono senza una casa 300 famiglie di Rimini

Trecento famiglie riminesi senza una casa

GIUSEPPE CATAPANO – I numeri dicono che si tratta di un’emergenza. Era tale prima della pandemia, lo è oggi. Già, perché sono tornati gli sfratti. Dopo essere state congelate con la pandemia fino a tutto il 2021, le procedure sono ripartite a gennaio. A Rimini se contano già 89, come segnalato dal sindacato Adl Cobas. A queste vanno aggiunte le situazioni che tecnicamente si definiscono di precarietà abitativa. Riminesi che vivono in residence o in hotel perché non sono riuscite a trovare una casa in affitto, in molti casi non in grado di fornire le garanzie richieste dai proprietari per concedere gli appartamenti in locazione. Se ne stimano fra i duecento e i trecento, tra nuclei familiari e persone singole. Fino al periodo pre-pandemia, Rimini viaggiava a una media di trecento procedure di sfratto all’anno, come si evince dai dati della Regione. La morosità ne costituiva – e ne costituisce ancora – la causa in quasi la totalità dei casi. Oggi a Rimini ci sono più di trecento nuclei – tra coloro che sono già sotto sfratto e le situazioni di precarietà abitativa – in forte difficoltà. Con la ripartenza delle procedure a gennaio, e senza forme di ‘paracadute’, si va incontro a uno scenario di profonde tensioni. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy