Rimini. “Ci dia il codice e risolviamo tutto”, truffa da 4.500 euro ai danni di una signora 64enne

“L’aiutiamo noi” e le rubano 4.500 euro dal libretto postale. Vittima una 64enne: “Ci dia il codice e risolviamo tutto”. Ma grazie ad Adiconsum ha recuperato quasi tutti i soldi

ERIKA NANNI – “Signora, ci dia questo codice, poi grazie alle nostre istruzioni riuscirà a recuperare quello mancante”. Inizia così la telefonata dei sedicenti operatori delle poste, che con fare gentile invitano gli utenti a fornire dati e informazioni per risolvere problemi informatici. In realtà, come avverte Adiconsum Romagna, associazione a tutela dei consumatori promossa dalla Cisl, l’intenzione non è certamente quella di aiutare chi si sta arrabattando per fare operazioni con la Poste pay o magari semplici acquisti online. Come successo a una signora 64enne riminese (che preferisce mantenere anonima la sua identità), “vogliono solo fregarti soldi, e io – ammette- ci sono cascata. Ero tranquilla: sapevo che nella Poste pay avevo solo 100 euro. Invece loro mi hanno svuotato il libretto postale, dove di euro ce n’erano 4.500”. (…)

La donna è andata a denunciare tutto alla Polizia postale, forte dei messaggi e delle telefonate registrate. La svolta, però è arrivata quando si è rivolta ad Adiconsum. “Un altro sindacato non è stato in grado di fare niente, tramite loro, invece, ho recuperato 4.350 euro da Poste italiane. Posso solo dire grazie, ed è merito specialmente di Stefania Battistini. Mi ero sentita malissimo: mi consolava solo il pensiero che una malattia sarebbe stata peggio”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy