San Marino. Danneggiamento al cantiere dell’Ufficio filatelico, condannato 49enne

Danneggiamento di piastrelle al cantiere dell’Ufficio filatelico

Divergenze in ambito lavorativo tra due colleghi, avevano portato a pesanti dissapori fino a che uno, per punire l’altro, aveva messo in atto, secondo l’accusa, il danneggiamento di 25 piastrelle presso il cantiere dell’Ufficio filatelico di Città in ristrutturazione.

L’episodio nell’agosto del 2019. Finite sotto processo 4 persone, una di loro nel frattempo deceduta. Durante il processo sono stati portati elementi indiziari. Secondo la parte civile, con l’avvocato Luca Biagioli, gravi e concordanti. Ha quindi chiesto la condanna e il risarcimento del danno. Il procuratore del fisco, Roberto Cesarini, a sua volta ha ravvisato gli elementi per chiedere la condanna degli imputati.

Di diverso avviso i difensori degli stessi, Mario Vadalà e Michela Ottaviani per due di loro, e Nicola Maria Tonelli, per il terzo imputato. Le difese hanno sottolineato come non vi siano prove per imputare il danneggiamento e gli indizi fossero solo presuntivi e insinuatori.

Il giudice Simon Luca Morsiani ha assolto due degli imputati per insufficienza di prove e condannato il 49enne ritenuti materialmente responsabile a 900 euro di multa e al risarcimento del danno fissando una provvisionale di 2.000 euro oltre agli onorari di parte civile.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino pubblicato integralmente il giorno dopo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy