San Marino ha accolto oltre 400 profughi ucraini, di cui 120 sono ancora suoi ospiti

Prosegue l’impegno per l’accoglienza dei cittadini ucraini a San Marino.

La segreteria di Stato per gli Affari Esteri, a distanza di ormai dieci mesi dall’inizio del conflitto militare in Ucraina, traccia in una nota un bilancio positivo relativo alle modalità di accoglienza dei numerosi cittadini ucraini, fuggiti dal proprio territorio in cerca di sicurezza e temporanea accoglienza.

San Marino ha ospitato oltre 400 profughi, concedendo loro condizioni di soggiorno comprensive di alloggio, assistenza sanitaria e sostegno economico; ad oggi sono presenti in Repubblica circa 120 ucraini, collocati in famiglie residenti e strutture pubbliche.

A tal riguardo, la segreteria di Stato per gli Affari Esteri, capofila del progetto di accoglienza, è particolarmente grata per l’ampio e costante lavoro delle istituzioni, degli enti e dei servizi pubblici e privati che procedono nell’assicurare ai tanti profughi le migliori condizioni di integrazione a livello sociale, economico e scolastico.

La comunità sammarinese ha dato prova dell’innata vocazione all’accoglienza e all’intervento umanitario, partendo proprio dalle istituzioni per giungere all’ampia rete di associazioni, club service e ai numerosi volontari che tuttora dedicano il proprio tempo al sostegno delle necessità dei profughi.
Riconosciuto dalla segreteria Esteri, a tal riguardo, l’impegno costante e meritevole della Caritas Vicariale per la quotidiana distribuzione di beni e generi di prima necessità in capo a tutti coloro che vivono in condizioni di difficoltà, tra i quali, emerge oggi la comunità ucraina

Alle famiglie che hanno ospitato e che ancora oggi ospitano nuclei di cittadini ucraini va la più sincera gratitudine delle istituzioni e della segreteria Esteri.
Considerata la prosecuzione dell’emergenza e le prospettive di un prossimo futuro ancora incerto nella martoriata Ucraina, è più che mai auspicabile che si rinnovi la generosità dei cittadini sammarinesi, attraverso contributi essenziali per favorire un’inclusione sostenibile di tante persone disorientate e provate da un anno di enormi difficoltà.

Per tale ragione, è possibile proseguire nella donazione di contributi sul conto corrente acceso in Cassa di Risparmio alle seguenti coordinate:

denominazione “Guerra Ucraina- Accoglienza profughi”

– Codice IBAN SM72D0606709800000120161869

Per donazioni dall’estero: Codice SWIFT: CSSMSMSMXXX

La segreteria di Stato per gli Affari Esteri mantiene alta l’attenzione e la considerazione sulle necessità cogenti della comunità ucraina attualmente in Repubblica e confida nell’unità di tutta la rete di accoglienza per concordare le misure più congrue in capo ai medesimi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy