Un’agenda ben organizzata è la nostra migliore alleata: parti da qui. Di Gianluca Spadoni

Vi è mai capitato di provare quella spiacevole e pesante sensazione di pigrizia, inefficacia, inadeguatezza che solitamente accompagna la disorganizzazione e la scarsa capacità di strutturare le giornate in maniera funzionale?

Organizzare la propria agenda è una attività fondamentale per gestire al meglio impegni, scadenze, obiettivi e riuscire a sfruttare al meglio le nostre giornate, portando avanti sia le attività lavorative che quelle ricreative senza che qualcosa venga trascurato o addirittura eliminato dalla nostra vita.

Proprio per dare ad ogni attività il giusto peso e lo spazio adeguato, per non trovarsi in affanno o perdere tranquillità e occasioni, è importante trovare il metodo che permette di rendere la propria agenda efficiente, funzionale ed efficace.

Non è questione di tempo (tutti abbiamo a disposizione lo stesso numero di ore), è questione di come questa risorsa così preziosa viene gestita.

Ora vi racconto cosa faccio io da 27 anni a questa parte.

Ogni sera, prima di andare a dormire, faccio un elenco delle cose che dovrò fare l’indomani. Questo ha un beneficio immediato: fare ordine e chiarezza nella mia mente. E con la testa sgombra il sonno è più sereno.

Questa “To-do List” compilata in agenda si può declinare in:
-cose da fare;
-telefonate da pianificare;
-persone da incontrare.

Una volta scrivevo questa lista sulla carta, ora lo faccio attraverso il telefono ma il concetto di fondo è sempre lo stesso: mettere nero su bianco quello che è importante che io svolga, fa sì che io possa “spuntarlo” una volta eseguito. Questo gesto, oltre che soddisfacente dal punto di vista dell’efficacia personale, è anche utile per tenere sott’occhio il bilancio giornaliero delle attività.

Tutto quello che non riesco a portare a compimento in una giornata, lo sposto al giorno successivo.

Se mi capita di spostare più volte di seguito la stessa task senza portarla mai a termine, è il caso di rivederne l’importanza, e, a quel punto, eseguirla o eliminarla definitivamente dall’elenco.

 

Si può pensare anche alla creazione di un piano più ampio, ovvero, ad esempio, pensare prima a tutte le attività importanti da fare entro 30 giorni, successivamente scendere verticalmente su quelle da fare entro una settimana, e poi, in maniera ancora più dettagliata, quelle da svolgere entro la giornata corrente.

Un altro consiglio: per avere un quadro più completo possibile, inizia dallo scrivere tutto: appuntamenti, scadenze, cosa da fare, idee, progetti.

Quindi separa e organizza le cose da fare, assegnando per esempio ad ognuna un’etichetta come: urgente, importante o delegabile/procrastinabile.

A questo punto inizia ad agire cominciando a pianificare (un concetto importantissimo di cui mi occuperò settimana prossima) e quindi a disporre in agenda ogni cosa.

Nella giornata dovremmo cercare di bilanciare gli impegni per dare il giusto spazio alle contingenze, all’operatività, ma anche ai compiti strategici, alla progettazione e alla programmazione.

Il fine primo e ultimo dell’agenda è quello non solo di gestire il tempo, ma di permetterci di risparmiarne il più possibile per poterlo dedicare ad attività diverse dal lavoro, alla crescita personale per esempio.

Per questo è importante darsi delle regole, sempre poche, semplici e ben dettagliate. Un esempio possono essere quelle per negoziare date ed orari degli appuntamenti, che ci permettano di lasciare liberi per i compiti più importanti o impegnativi i momenti più produttivi della nostra giornata, come potrebbe essere la mattina.

Una cosa importante che forse avrai già capito: l’agenda non è uno strumento fisso, ma è in costante evoluzione, solo se si hanno chiare le priorità, la sua flessibilità ci permetterà di plasmarla a seconda delle esigenze.

Vi lascio con un ultimo suggerimento, mutuato dal libro di Brian Tracy “Eat that frog!”, letteralmente: “Mangia quella rana!”, che a sua volta prende spunto da una frase di Mark Twain: “Eat a live frog first thing in the morning, and nothing worse will happen to you the rest of the day!”, ovvero “Mangia una rana viva come prima cosa al mattino, e nulla di peggio potrà capitarti durante il resto della giornata!”.

Questo per spronarti ad affrontare e portare a termine per prima la task più ostica, impegnativa e antipatica, in modo che da lì in avanti l’esecuzione delle varie attività sia tutta in discesa…

 

Gianluca Spadoni

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy