lunedì 9 gennaio 2017 06:00
CHI DICE CHE LA STAMPA NON SERVE?

San Marino. Con una goccia si può perforare la pietra. Quei soldi di nuovo allo Stato

San Marino. Con una goccia si può perforare la pietra. Quei soldi di nuovo allo Stato

Soldi da monofase arretrata e da banche gestite in modo distorto

SAN MARINO. Marino Cecchetti su L'Informazione di San Marino: Gutta cavat lapidem

(...) La goccia riesce a perforare la pietra se batte, pervicacemente,  su un punto. È andata così per il recupero dei soldi statali usati da certe banche per chiudere i buchi dei ‘prenditori’ anziché per proteggere gli averi dei depositanti. È andata così per il recupero dei soldi per monofase non versata.

Finalmente, per entrambe le questioni, la politica, nelle scorse settimane, ha preso un impegno risolutivo dopo anni  ed anni.

Ci si è arrivati,   tenendo vivi i casi, scrivendone e riscrivendone per anni.

Monofase. Nel settembre 2011 il consigliere Paolo Crescentini interpella il Segretario alle Finanze Pasquale Valentini sugli arretrati nei pagamenti della monofase.  (...) 

Banche. Il 25 ottobre 2007, con atto del notaio Matteo Mularoni, ex membro del Consiglio Direttivo di Banca Centrale, la Banca del Titano è venduta per euro 3 (leggasi tre). (...)

Leggi l'intero articolo di Marino Cecchetti pubblicato  il giorno dopo