domenica 27 settembre 2020 07:38
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Testimoni della religiosità popolare

San Marino. Testimoni della religiosità popolare

Testimoni della religiosità popolare

Le cellette ed edicole votive disseminate nelle campagne di tutta Italia e di San Marino

DAVIDE PEZZI (a cura di) Ai Romani si deve la classica centuriazione che suddivideva il territorio in appezzamenti delimitati da cardo e decumano. Questo creava inevitabilmente un incrocio, detto dai Romani “Compitum”. In questi incroci era solito piantare una pietra come segno identificativo del confine di proprietà. Col passare degli anni, questo simbolo si ricoprì di un significato religioso. Un tempo si pensava che questi punti fossero protetti dai “Lari” (spiriti protettori della famiglia proprietaria), poi, con l’avvento del Cristianesimo, i santi cristiani sostituirono le divinità pagane e questi incroci divennero dei luoghi di culto soprattutto dedicati alla Madonna simbolo di fertilità alla quale si affidava la speranza di ottenere un buon raccolto. Nelle nostre campagne vi sono ancora tantissime “edicole votive” o “cellette”, come si chiamano dalle nostre parti, spesso dedicate a Maria che indicano uno spazio sacro, che segnalavano ai pellegrini la presenza di una chiesa vicina e una tappa di preghiera e meditazione per i pellegrini. (...)

Tratto da L'informazione di San Marino

----

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782