martedì 11 febbraio 2014 10:06

Rimini. Quinto Peep la battaglia continua: il Tar ha bocciato il ricorso, ora il Comitato si rivolge al giudice onorario. Corriere Romagna

Rimini. Quinto Peep la battaglia continua: il Tar ha bocciato il ricorso, ora il Comitato si rivolge al giudice onorario. Corriere Romagna

Annalisa Boselli - Corriere Romagna: Maggiori oneri di esproprio e riscatto degli immobili. Le prossime mosse dopo che il Tar ha bocciato il ricorso presentato da circa 870 famiglie / Quinto Peep, la battaglia continua / Il Comitato dei cittadini annuncia: adesso ci rivolgiamo al giudice ordinario

RIMINI. «Siamo più agguerriti che mai. Non abbiamo perso e il percorso legale non finisce qui». Il comitato V Peep non si arrende alla sentenza del Tar che ha giudicato inammissibile il ricorso di circa 1.600 cittadini che si sono visti chiedere dal Comune dai 2 ai 9mila euro a immobile per i maggiori oneri di esproprio e dai 35 ai 50mila per il riscatto del diritto di proprietà. «Entro questa settimana verrà convocata una nuova assemblea in cui si illustreranno le prossime mosse», affermano il coro Daniela Montagnoli e Vincenza Mignogna, presidente e vicepresidente del comitato. Ieri anche lo stesso avvocato che ha seguito il ricorso per conto dei cittadini, Antonio Carullo, ha voluto ribadire la bontà del percorso intrapreso. «La via prescelta lungi dall’essere un errore o una inopportunità si dimostra essere stata l’unica via possibile e anzi la più fruttuosa per due motivi. Primo, non si sono persi i termini decadenziali di impugnativa del provvedimento: la parte della delibera relativa al calcolo delle somme per il riscatto rimane sicuramente nella giurisdizione del giudice amministrativo (si ribadisce il Tar sul punto nulla ha detto). Secondo, consente di riassumere al giudice ordinario la causa e, quindi, di proseguire in quella sede un giudizio che, se allora iniziato, non sarebbe certamente in uno stato più avanzato di quello attuale (da tener presente che entrambe le parti hanno già depositato tutti i documenti necessari per l’istruttoria)». (...)