Laura Cordani, primo arbitro donna di San Marino: “In campo non c’è sessismo, sugli spalti sì”

Palla al centro, fischia l’arbitro Laura: “In campo non c’è sessismo, sugli spalti sì”. Cordani, 35 anni, primo direttore di gara donna di San Marino: “Lo faccio per hobby e giro l’Europa. Si rischia di più nelle serie minori”

MARIO GRADARA – “Al Camp Nou di Barcellona c’erano 28.700 persone sugli spalti per l’incontro di qualificazione alle finali di Women’s Champions League, a dicembre, tra Barcellona e Rosengård: l’emozione più grande è quando ti schieri con le squadre e suona l’inno di Champions, con le ola, i cori, le lucine dei cellulari: mi è passato davanti il film della mia vita da assistente e arbitro di calcio”. Laura Cordani, 35 anni, laurea in Relazioni internazionali a Milano, specializzazione a Bologna, dallo scorso agosto funzionario del settore Lavori pubblici del Comune di Rimini, parla di quella che è la tappa più recente di una carriera brillante e in ascesa. (…)

“In campo c’è molto rispetto, sia nelle partite maschili che femminili. Sugli spalti gli spettatori sono cattivi, dicono di tutto. Manca la cultura, non c’è l’abitudine di vedere un arbitro o un assistente donna”.

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy